developed and seo specialist Franco Danese

Sette barche da sogno così tutte insieme non le avete mai viste. SONDAGGIO

Le 7 barche usate della settimana. Dalla deriva alla barca per veri intenditori
28 settembre 2016
Uno spettacolo nello spettacolo: il nuovo My Song debutta a Les Voiles de Saint Tropez
28 settembre 2016

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Erano anni che il Monaco Yacht Show (l’edizione 2016 prende il via proprio oggi nel Principato, fino al 1 ottobre) non contava una presenza così ricca di gioielli a vela. Novità alla prima uscita, ma anche barche un po’ in là con gli anni, tutte accomunate dalla loro eleganza. Ne abbiamo selezionate per voi sette, capaci di farvi (e farci, diciamolo) sognare per davvero. Segnalateci, nel sondaggio che vi proponiamo in fondo a questo articolo, qual è la vostra preferita!

Advanced A80 – 23.98 m – 2015

Advanced A80

L’ammiraglia del cantiere italiano è una delle barche più moderne del lotto. A disegnarlo John Reichel e Jim Pugh e gli yacht designer italiani Mario Pedol e Massimo Gino di Nauta Yachts. Si è optato per un baglio massimo piuttosto appoppato, che ha garantito spazi interni immensi, pur mantenendo al contempo una tuga filante (qui la firma dello studio italiano Nauta è innegabile).

Alejandra – 41.33 m – 1993

Alejandra

Linee classiche ma stile di vita moderno a bordo. Disegnata da Bruce King, questo due alberi conta un piano velico potente ma al contempo facilmente manovrabile. Negli anni ha vinto numerose regate e attraversato decine di volte l’Atlantico.

Ammonite – 24,86 m – 2016

Ammonite

Il terzo modello della serie di 82 piedi del cantiere Southern Wind è una “bestia” in carbonio, dotata di lifting keel. Ma Ammonite è anche un raised saloon dal quale si gode una vista a 270 gradi, con interni caldi realizzati in carbonio e quercia.

Dahlak – 38,15 m – 2016

Dahlak

L’ultimo dei Perini Navi porta la firma di Philippe Briand. Progettato per una navigazione facile e veloce, lo yacht è costruito interamente in lega di alluminio Sealium e vanta diverse innovazioni tecniche, tra cui captive winch elettrici costruiti da Perini Navi e un sistema di batterie ai polimeri di litio per una navigazione ecologica e silenziosa.

Emmaline – 32,50 m – 2003

Emmaline

E’ la moderna interpretazione dei veloci cutter del Bristol Channel Pilot Cutter. Costruita nel 2003, ha subito un meticoloso lavoro di refit da parte del cantiere Holland Jachtbouw.

Inukshuk – 32,64 m – 2013

Inukshuk

Questo Baltic 107 Inukshuk può contare su un impressionante rapporto peso/potenza. Monta una chiglia telescopica e un armo interamente in carbonio. Internamente la sezione prodiera è interamente dedicata all’armatore, mentre gli alloggi equipaggio si trovano a poppa. a garanzia della più completa privacy.

Shamanna – 35,20 m – 2016

Schermata 2016-09-28 alle 10.54.54

Questo Swan 115 S conta scafo e coperta, costruiti con la tecnica dell’infusione, in fibra di carbonio, in modo da garantire rigidità, resistenza e risparmio di peso. German Frers ha progettato uno scafo da una linea di galleggiamento molto lunga (32,84 metri sui 35,20 della lunghezza fuori tutto), con un baglio massimo generoso (8,12 m) e spostato verso poppa.

1 Comment

  1. adolfo mellone ha detto:

    I : Alejandra II : Emmaline Le altre sono incubi, non sogni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fai il bordo giusto, iscriviti!

La newsletter più completa per il mondo della vela