developed and seo specialist Franco Danese

L’ultima moda? Non perdersi lo spettacolo notturno del mare

VIDEO Ecco perché il Giro del Mondo è da veri eroi
16 settembre 2016
Così mi sono innamorato della Bretagna / Parte 1: il colpo di fulmine
17 settembre 2016

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

led apertura
Girando per i marina quest’estate ci siamo resi conto che una delle nuove tendenze (soprattutto sulle barche più grandi), fresca fresca dal mondo del motore, è quella delle luci subacquee a LED. Una soluzione un po’ “tamarra”, diranno alcuni, ma che sta prendendo piede e che personalizza il look dello scafo. In rada, i faretti accesi renderanno la vostra barca riconoscibile in mezzo alle altre e c’è persino chi utilizza colori particolari per attirare, nella notte, i pesci attorno all’imbarcazione e godersi lo spettacolo notturno offerto dal fondo marino o dalle formazioni di plancton.

A incasso

A incasso

UN MERCATO IN CRESCITA
Sul mercato in effetti il numero di produttori di faretti subacquei a LED si è moltiplicato negli ultimi anni: in Italia potrete trovare vari modelli (per montaggio a incasso o a parete con fissaggio a vite: i secondi sono più indicati per una barca a vela, poiché il foro da praticare nello scafo è più piccolo), con cornici impermeabili e spesso intercambiabili, con luci dai colori differenti e customizzabili.

surface mount

A parete

Unico comun denominatore: i bassi consumi. Ci sono quelli proposti dalla romagnola Quickmarine Lightning (www.quickmarinelighting.com), dalla piemontese Binding Union (www.binding.it) o quelli di Osculati che trovate su Nauticplace (www.nauticplace.com). Una grande selezione di modelli, per tutte le esigenze, è anche quella di Underwater Lights proposta da Saim (www.saim-group.com). Tra i produttori anglosassoni, segnaliamo le luci Lumishore (www.lumishore.com).

3 Comments

  1. Mariano Mellini ha detto:

    Dedicato alla “Sora Alvara”
    Per saperne di più sul personaggio informarsi sul teatro fiorentino in vernacolo

  2. Roland ha detto:

    grande cazzate da rada, prima l’inquinamento acustico (oltre la “disco” modellini telecomandati, tender, ultimamente pure dei “droni”), ora l’acqua illuminata (pionieri motoscafi importanti. la navigazione da diporto smette di essere un approccio alla natura e un piacere.
    chi può ha la navigazione oceanica, agli altri rimangono le strade dei centri urbani dei mesi di natale….
    vendo barca in perfetto stato….

  3. adolfo Mellone ha detto:

    Che stronzata (scusate il francesismo) !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi