developed and seo specialist Franco Danese

FOTOGALLERY Mylius 76 FD, Sua Maestà in navigazione

Fotogallery. Il TAG Heuer VELAFestival visto dagli occhi dell’amico fotografo Luca Franzi
28 luglio 2016
Dalla Bretagna alla Sicilia con un “catorcio” di sette metri
28 luglio 2016

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Mylius ShipyardVe ne avevamo già parlato, ma ora ve lo mostriamo in tutta la sua maestosa bellezza: stiamo parlando del nuovo Mylius 76 FD (FD sta per Flush Deck) Egi4. Il suo esperto armatore ha voluto una barca per realizzare il sogno di circumnavigazione del globo con il figlio. Una barca costruita con i più alti standard strutturali e impiantistici, dove grande attenzione è stata dedicata anche allo studio dei piani e dell’attrezzatura di coperta ed in tutto quello che concerne la sicurezza di navigazione.

GUARDA LE FOTO DEL NUOVO MYLIUS 76 FD IN NAVIGAZIONE

COSA AVEVAMO SCRITTO DEL MYLIUS 76 FD
Il Mylius 76 FD piacerà a chi ama andare a vela veramente e non a chi pensa che la barca sia un oggetto da ostentare. Quando l’abbiamo visto dalla banchina mentre si avvicinava all’ormeggio, ci è piaciuta l’estetica del suo profilo laterale, semplice e marino. Nulla di forzato e inutilmente ricercato. Ti viene voglia di dire: “che bella barca!” e basta. Quando poi l’abbiamo visto, sempre dalla banchina, ormeggiato di poppa, la sensazione di semplicità che emana il Mylius 76 FD è ancora più evidente. La coperta e il pozzetto sembrano vuoti, esaltando la sensazione di spazi immensi dove prendere il sole, muoversi liberamente, vivere la barca. Certo, un grande aiuto lo dà la corta tuga (non male il design) che lascia libera la coperta rivestita da un bel teak a listelli classico con la gommina nera (bravi quelli di Mylius a non lasciarsi condizionare dalla moda delle soluzioni con “gomma” colorata, magari bella ma per nulla marina).

COPERTA
Non sappiamo quanti siano i metri quadri piatti e liberi a pruavia della tuga, ma di certo una terrazza così, a picco sul mare, non la trovi neppure su un motoryacht da 100 e più piedi. Un altro indizio che questa è una barca nata da veri velisti per veri appassionati di navigazione a vela sono le attrezzature di coperta e il loro posizionamento correttissimo, a portata di navigazioni, anche su di un 23 metri, con due sole persone a bordo. Certo, tutto è al top, come si conviene ad una barca importante come questa: albero in carbonio, winches sovradimensionati e materiali di primissima qualità. Scotte e drizze non si vedono, scorrono nascoste nei passaggi sottocoperta.

INTERNI
Anche gli interni seguono la stessa impronta essenziale di marinità contemporanea, senza concessioni a quell’effetto da casa al mare che snatura l’essenza di una barca che si chiami davvero barca e non venga fraintesa con una casa senza esserlo. Quindi, un bel quadrato luminoso anche grazie ad una superficie vetrata posta, al cento della tuga. La cucina è a poppa nella zona riservata all’equipaggio. A prua, ben separata dall’area conviviale, la zona notte con una cabina armatoriale a prua con una splendida vista dal lettone sul mare, grazie al sapiente posizionamento delle finestrature a scafo. Completano la zona notte altre due cabine con bagno.

Le caratteristiche del Mylius 76 FD
Lunghezza fuoritutto m 23,25 (con delfinista m 25,25)
Lunghezza al galleggiamento m 21,00 m
Larghezza massima 5,84m
Pescaggio 4,15 m
Dislocamento 30.000 kg
Zavorra 11.700 kg
Cabine 3 doppie + 1 singola + 1 crew
Acqua 1200 lt
Carburante 1800 lt
Motore 160 hp
Sup. randa 167,2 mq
Sup. fiocco 144,28 mq
Sup gennaker 499 mq
www.mylius.it

1 Comment

  1. Daniele ha detto:

    barca voluta per fare il giro del mondo con il figlio…
    sei un grande ti stimo davvero, anche se in alcuni posti forse attirerai attenzioni anche non volute.. con sto po’ di transatlantico! ti auguro di no!!
    un po’ di invidia per il progetto del giro del mondo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi