Il cantiere danese X Yachts non si ferma un attimo: varato anche l’X4

IMG_8138

 

E’ passato esattamente un mese da quando vi abbiamo annunciato il varo del tanto atteso X6, ma è già ora di riprendere in mano la tastiera per presentarvi l’ultima novità del cantiere danese X Yachts che da poche ore ha messo in acqua il nuovo X4. Il nuovo dodici metri è il secondo modello della nuova gamma X a toccare l’acqua: la nuova linea è stata lanciata per sintetizzare le due attuali gamme Xp (performance) e Xc (cruising). Le linee dello scafo parlano una nuova lingua rispetto a quella che siamo abituati a sentire quando si parla di X Yachts: sono più morbide rispetto al passato e rimandano a forme che siamo più soliti osservare sulle barche dei cantieri “mediterranei”. A prua i volumi di carena sono abbondanti per creare interni spaziosi.

IMG_8148

Lo scafo è realizzato in infusione sottovuoto con laminazione in sandwich di epoxy per garantire la massima sicurezza e resistenza. La chiglia (disponibile in tre misure: 1,85, 2,20 e 2,50 m) ha una zavorra di 3.800 kg, un peso importante sugli 8.850 di dislocamento totale della barca: questo dovrebbe tradursi in maggiore stabilità e in uno scafo in grado di ben combinarsi con un piano velico generoso (97 mq a vele bianche). La luminosità e la ventilazione sottocoperta saranno garantite da 23 tra boccaporti, oblò, finestrature e osteriggi. Come dotazione standard presenta il paterazzo idraulico, le sartie discontinue e drizze in Spectra. La motorizzazione standard sarà diesel 45 cavalli con elica a pale abbattibili di serie.

IMG_8079INTERNI
Negli ultimi due anni, progettisti e falegnami del cantiere si sono sforzati di raggiungere una cifra stilistica negli interni che fosse riscontrabile solo su barche di maggiori dimensioni. Nuovi scaffali di design sono localizzati dietro alla postazione di carteggio e incassati a prua, nella cabina armatoriale. Le prime dieci barche saranno realizzate con finiture esterne e rivestimenti in O-Tech chiaro, mentre la produzione standard prevederà un più scuro T-Tech. La cabina armatoriale è di dimensioni ancora maggiori grazie al baglio maggiorato dello scafo (3,95 m).Il prezzo, per adesso, è fissato a 279.000 euro + IVA.
X4_interior_2

 

SCHEDA TECNICA
Lunghezza ft 12.50 m
Lunghezza al galleggiamento 11.31 m
baglio max 3.95 m
Pescaggio standard 2.20 m
Pescaggio standard (chiglia a L) 1,85 m
Pescaggio profondo 2.50 m
Zavorra (standard) 3.800 kg
Dislocamento leggero 8.850 kg
Motorizzazione Diesel 45 cv
Carburante 200 l
Acqua 340 l
Sup. randa 54 mq
Sup. genoa (106%) 43 mq
Spinnaker 150 mq


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Swan 55

VIDEO Swan 55 (16m): il bluewater che sa cambiare pelle

Il Cannes Yachting Festival e il Salone Nautico di Genova sono due appuntamenti da non perdere per i cantieri del settore e tutti gli appassionati. La nostra redazione è andata a bordo delle ultime novità, una di queste è il nuovo Swan 55,

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su