Navigare in crociera con poco vento/1: cosa fare alle portanti

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

gennakerLa navigazione in poppa con poco vento richiede un certo impegno per ottenere delle prestazioni che possano dare una certa soddisfazione. Le due possibilità che abbiamo per navigare in questa andatura sono l’impiego di un gennaker o di uno spinnaker. Entrambi, per un più facile utilizzo in crociera anche con equipaggio ridotto, possono essere montati con una calza che ne facilita l’issata e l’ammainata.

L’utilizzo di un gennaker è senz’altro più semplice; basti pensare al numero maggiore di manovre che comporta l’impiego di uno spinnaker: tangone, carica alto, carica basso, doppie scotte su imbarcazioni di una certa misura e maggiori difficoltà in strambata.

La calza è la soluzione ideale per navigare con il gennaker anche in equipaggio ridotto. Facilita la vita a bordo semplificando l’issata e l’ammainata della vela.
La calza è la soluzione ideale per navigare con il gennaker anche in equipaggio ridotto. Facilita la vita a bordo semplificando l’issata e l’ammainata della vela.

E’ vero che lo spinnaker in genere permette di poggiare maggiormente ma è anche vero che in condizioni di vento da 5 a 9 nodi gli angoli rispetto al vento che normalmente si raggiungono sarebbero comunque piuttosto stretti, da 115 a 140/145 gradi, indipendentemente dal tipo di vela che si utilizza e questo è un range di utilizzo tipicamente da gennaker che è una vela, soprattutto se di ultima generazione, che in queste condizioni risulta essere parecchio più efficiente.

Anche in questo caso, al fine della ricerca della migliore vmg (Velocity Made Good, la reale velocità di avvicinamento a un punto) è determinante anche la conduzione. Per esempio, utilizzare un gennaker e navigare a tutti i costi con angoli molto ampi è controproducente: si perde in velocità e sarebbe deleterio per una buona vmg. Viceversa navigare con il gennaker significa partire con angoli piuttosto stretti, anche 110 gradi, con pochissimo vento, fare partire la barca che si creerà un proprio vento apparente che, come sappiamo, girerà verso prua e ci permetterà in seguito anche di poggiare.

Nonostante lo spinnaker consenta di poggiare di più rispetto al gennaker, con venti deboli bisogna comunque tenere un angolo piuttosto stretto tra i 115 e i 145 gradi che è il range di utilizzo perfetto per il gennaker.
Nonostante lo spinnaker consenta di poggiare di più rispetto al gennaker, con venti deboli bisogna comunque tenere un angolo piuttosto stretto tra i 115 e i 145 gradi che è il range di utilizzo perfetto per il gennaker.

Gli angoli stretti quando si deve far partire la barca sono in pratica un volano per costruire il vento apparente che in seguito ci farà poggiare. Nel caso del raggiungimento di un waypoint posizionato esattamente in poppa piena sarà necessaria una navigazione a bordi e non diretta.

STRAMBARE CON IL GENNAKER
Questa manovra presuppone due possibilità: “strambare interno”, vale a dire con la bugna della vela che passa tra lo strallo di prua e l’inferitura della vela, oppure “strambare esterno”, con la bugna che passa oltre l’inferitura della vela.

Generalmente con poco vento si stramba interno ma è chiaro che per poterlo fare senza avere troppi problemi, assume un’importanza determinante la lunghezza del bompresso o della delfiniera a prua: più sono lunghe e più spazio c’è tra lo strallo e l’inferitura del gennaker durante la strambata e quindi diventa più agevole fare girare la vela. Viceversa con vento più sostenuto è senz’altro più agevole e meno complicato strambare esterno.

SPATA-ROBERTO1IL NOSTRO ESPERTO
Roberto Spata ha iniziato a regatare sulle derive. Si è avvicinato alla vela d’altura regatando su qualsiasi tipo di imbarcazione e vincendo, ad oggi, 17 Italiani, 6 Europei e 5 Mondiali.  Nel 2003 fonda la New Wind, una società di consulenza tecnica e di servizi rivolta sia agli armatori che ai più importanti cantieri italiani. www.nwind.it.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Adesso hai l’incentivo se compri un motore elettrico

  Arrivano gli incentivi per l’acquisto di un motore elettrico marino. Dopo anni di vane attese, lungaggini burocratiche e la sensazione di essere praticamente “invisibili” agli occhi del Governo in quella tanto sbandierata corsa alla “transizione ecologica”, finalmente anche per

Registrati



Accedi