Falla a bordo? Ti salva il palloncino Airbob

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

airbob4
Si chiama Airbob e rappresenta una soluzione rapida ed efficace in caso di falle a bordo.
Il dispositivo consta di un palloncino gonfiabile cilindrico dotato di valvola di gonfiaggio e un canale centrale, attraverso il quale passa una cima legata a una barretta in fibra che funziona da “blocco” una volta inserita nella via d’acqua. La cima viene fissata su uno strozzatore montato su un disco in composito sopra il palloncino.

COME FUNZIONA AIRBOB
Se avete una falla, la procedura da seguire si articola in sei fasi. Collegate la pompa di un gonfiatore manuale alla valvola del palloncino, gonfiate il palloncino a un terzo del suo volume, inserite la barretta nella via d’acqua, applicate il palloncino semigonfio sulla falla, tirate la cimetta e strozzatela, poi procedete al gonfiaggio finale.

AIRBOB – LA VIDEOPROVA

IL TEST
Il test del video sopra e illustrato dalle foto qua sotto è stato realizzato su una barca di 19 piedi con un buco creato artificialmente largo 12×7 cm, come una lattina da 0,33 (sufficiente a causare un flusso d’acqua di centinaia di litri per minuto, affondando la barca in dieci minuti). Sono bastati poco più di due minuti per applicare l’Airbob e fermare l’acqua. Il dispositivo ha resistito senza problemi da Porquerolles e Hyères. Airbob sarà presto disponibile. www.nautinov.com

LA GALLERY DEL TEST

LE ALTERNATIVE
Esistono altre soluzioni per sigillare una via d’acqua, ve ne illustriamo tre.

stay afloat-228x2281. Pasta turafalle Stay Afloat. Stay Afloat è una pasta per tappare eventuali falle a bordo in situazioni di emergenza. Adatto per tutte le imbarcazioni e applicabile su diversi tipi di superfici, permette di bloccare istantaneamente le intrusioni d’acqua sia sopra, sia sotto la linea di galleggiamento. Scopri di più!

22.803.81 new12-500x5002. Coni turafalle. Si tratta in assoluto della soluzione più economica, ma una volta applicata necessita di monitoraggio costante: stiamo parlando di una serie di 10 coni turafalle in legno, con diametri da 8 a 49 millimetri. In caso di fratture irregolari (nella maggior parte dei casi), però, lasceranno comunque entrare dell’acqua e andranno tamponati a dovere con stracci. Scopri di più!

rupture3. Tampone Rupture Seal. Rupture Seal sigilla istantaneamente le falle a bordo: sia quelle dei serbatoi e delle pompe di sentina, sia quelle (piccole) nello scafo a seguito di una collisione. Consiste in un otturatore sferico a base siliconica percorso da un’asticella che termina con un sistema di blocco. Basterà inserire Rupture Seal all’interno della falla e poi tirare l’asticella per sigillare la perdita. Scopri di più!

QUI invece vi spieghiamo come comportarvi in  caso di falla a bordo

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “Falla a bordo? Ti salva il palloncino Airbob”

  1. questo sistema è praticamente INUTILE… le barche sono tutte arredate! con rivestimenti, mobili e mobiletti… prima di arrivare alla falla bisogna smontare mezzo scafo!… impossibile considerare valido un rimedio che preveda che la falla sia in vista con scafo pulito

  2. marco pellanda

    Sistema affascinante: invece di sfruttare la pressione dell’acqua da sotto (come nel paglietto turafalle) sfrutta la pressione dell’aria da sopra.
    E’ un sistema “valido”?
    Come sempre, in navigazione, DIPENDE! Da che cosa? ancora una volta DIPENDE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Adesso hai l’incentivo se compri un motore elettrico

  Arrivano gli incentivi per l’acquisto di un motore elettrico marino. Dopo anni di vane attese, lungaggini burocratiche e la sensazione di essere praticamente “invisibili” agli occhi del Governo in quella tanto sbandierata corsa alla “transizione ecologica”, finalmente anche per

Registrati



Accedi