Ma… cosa… diavolo… è… successo???

Voiles D'Antibes 2016Ph: Guido Cantini / Sea&See.comSiamo in Costa Azzurra, dove è andata in scena la ventunesima edizione de Les Voiles d’Antibes, prima tappa nel Mediterraneo del Panerai Classic Yachts Challenge 2016. E siamo a bordo dell’unico 12 metri Stazza Internazionale perfettamente navigante nel Benelux, Zinita (lungo 20,04 metri e largo 3,63). Il marinaio della foto si è ritrovato, suo malgrado, a lasciare i panni del prodiere per vestire quelli di tuffatore acrobatico. Volete scoprire come sia stato possibile? Ve lo raccontiamo con una fotosequenza di pura adrenalina scattata da Guido Cantini nel numero di luglio del Giornale della Vela, in edicola e in digitale a partire da martedì prossimo!

Intanto sono bene accette le ipotesi, scrivete cosa è successo secondo voi in un bel commento, vi faremo sapere se ci avete azzeccato!


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

7 commenti su “Ma… cosa… diavolo… è… successo???”

  1. Ha rotto l’albero sopra alla prima crocetta…. la roba bassa é tutta ancora in tensione, quella alta tutta cadente, il prodiere era appoggiato al genoa o allo strallo e quindi si é trovato senza appoggio…. bravo e fortunatissimo il fotografo.

  2. Francesco Ciciriello

    Albero spezzato, si vede il bomba in acqua con randa affosciata e lo strallo di prua con l’enorme genova cadere in acqua insieme al suo prodiere che probabilmente vi era appoggiato. Brutta esperienza

  3. La landa si è strappata dallo scafo! Si vede a pruavia del tizio brizzolato 😉

    Ora.. Perché si è strappata? Non mi pare ci sia tanto vento, che la barca abbia inavvertitamente preso uno scoglio con la chiglia?!? Si spiegherebbe il colpo di frusta dell’albero che ha causato il cedimento della landa ..e pure lo sbilanciamento a prua del prodiere…

  4. a mio parere, rottura dello strallo di prua. .. . il prodiere probabilmente si stava tenendo su quello . . . magari per controllare un incrocio. Strallo si rompe, la vela ovviamente lo porta violentemente in avanti, ed il prodiere perde l’equilibrio e cade.

  5. Franco Cecchelli

    Rottura ancoraggio landa della sartia alta, si vede una parte della coperta sollevata. Da questo,rottura albero. Poiché’ sono vicini a terra è’ probabile che abbiano preso uno scoglio oli fondo. Il prodiere è’ stato sparato in avanti ed e’finito in mare. Come sta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

VIDEO Un rientro in porto da leoni

Un ingresso in porto da veri eroi per i due velisti a bordo di questo catamarano: hanno saputo aspettare il momento giusto per “surfare” grazie alle altissime onde che frangono in prossimità della costa inglese del Merseyside, a Southport. GUARDA

Nove mete dove navigare almeno una volta nella vita

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Stanchi

Torna su