developed and seo specialist Franco Danese

Cara bolina non mi freghi più: come non impazzire quando le vele “fanno le pieghe”

Basta figuracce! Come ormeggiare in banchina utilizzando lo spring
28 maggio 2016
TEST – Nuovi fuoribordo Suzuki: una gamma “user friendly”
30 maggio 2016

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Jeanneau379-CRG48991-EditQuante volte siete impazziti per capire perché la vostra randa faceva tutte quelle pieghe vicino all’albero? E il genoa quando lungo lo strallo trovate pieghe orizzontali, altre volte verticali. è tutta una questione di regolazione della drizza, spesso un po’ sottovalutata. In realtà, oltre alle drizze, è importante che teniate sempre conto della tensione del paterazzo (speriamo l’abbiate regolabile!). Cazzarlo è molto utile quando c’è vento forte, perché in questo modo “scarichiamo” la potenza della parte alta della randa, limitando in questo modo la tendenza allo sbandamento. Per rendervi poi conto se avete esagerato a cazzare il paterazzo, osservate la randa. Vi ritroverete con delle pieghe che partono dal boma e rimontano in diagonale verso l’albero.

Schermata 2016-05-26 alle 17.03.09

Schermata 2016-05-26 alle 17.03.29

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi