Cinque domande al vostro albero – Seconda puntata

alberoContinua il nostro viaggio alla scoperta dell’albero (qui la prima parte), per capire davvero come funziona e riuscire a regolarlo al meglio!

A cosa servono le crocette?
Il loro compito è duplice: trasferiscono alle sartie una parte degli sforzi dell’albero e servono per allontanarle dall’albero in modo da aumentare o diminuire l’angolo di incidenza dei cavi sull’albero. Il numero e la larghezza dipende molto dal piano velico. Per capire meglio come vengono pensati gli armi bisogna valutare sempre che, a parità di albero e barca, se ci sono poche crocette esse saranno più lunghe e probabilmente le lande saranno in falchetta; una situazione che di norma porta a un albero meno regolabile e un piano velico con una bassa sovrapposizione o con un genoa meno chiuso sul canale. Se invece ci sono più crocette, esse saranno corte con un angolo di sartie più piccolo. Le lande saranno in coperta, la sovrapposizione del genoa maggiore e soprattutto la vela sarà più chiusa.

Quindi cosa comporta avere più o meno crocette?
Il numero di crocette dipende dalla lunghezza dell’albero, dalla larghezza dello scafo e da una lunghezza massima delle stesse crocette. Una barca da regata tenderà ad avere più ordini di crocette corte, per privilegiare la regolazione del fiocco e la chiusura del canale. Una puramente da crociera, invece, deve privilegiare un armo più semplice e versatile, quindi con meno crocette ma di lunghezza maggiore. In questo modo si potrà trovare l’attacco delle sartie in falchetta con un maggior vantaggio per l’utilizzo degli spazi a bordo.

Cosa sono le crocette aquartierate?
Un albero per rimanere in piedi deve avere quattro vincoli: due sartie, strallo e paterazzo. Per evitare che quest’ultimo sia strutturale e fare in modo che svolga solamente la funzione da regolatore di flessione, le crocette vengono inclinate verso poppa, quindi le sartie in coperta sono fissate a poppavia dell’albero. In questo modo riescono a garantire oltre la resistenza laterale anche quella longitudinale agli sforzi dell’albero. Su alcune barche l’angolo di quartiere delle crocette è tale per cui non viene previsto il paterazzo. Lo svantaggio di queste soluzioni però è la difficoltà ad aprire completamente la randa in andature portanti.

Cosa sono le diagonali?
Le crocette, come detto, servono per allontanare le sartie dall’albero e caricare in compressione lo stesso. Per limitare tale carico, dalla base delle crocette, in prossimità dell’albero, partono ulteriori cavi, detti appunto diagonali, che corrono fino all’attacco con la sartia. Il loro compito è quello di diminuire la compressione sull’albero scaricando le forze in coperta.

Il paterazzo e lo strallo di prua influiscono sull’albero?
Certamente, e ogni loro regolazione influisce una sull’altra e sulla forma della vela. Il paterazzo, come lo strallo di prua, è di norma un cavo d’acciaio. Parte dalla testa dell’albero fino a poppa della barca. Lo strallo di prua invece può partire da più punti dell’albero e correre fino a prua. Il paterazzo è più facile da regolare ed esistono diversi modi che consentono di modificarne la tensione. Entrambi quindi influiscono sulla tensione dell’albero e di conseguenza sulla forma delle vele. Un esempio pratico con tanto vento: si cazza il paterazzo in modo da spostare la testa dell’albero verso poppa e flettere la parte centrale verso prua. Questa regolazione permette di appiattire (smagrire) la randa. Se allo stesso tempo si aumenta la tensione dello strallo di prua, si ottiene uno spostamento indietro della testa dell’albero che permette di eliminare l’effetto di catenaria e quindi appiattire la vela di prua nel suo ingresso.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Marina Punta Gabbiani

Ecco dove tenere la tua barca per l’inverno in Alto Adriatico

Marina Punta Gabbiani – Un’oasi nell’Alto Adriatico All’interno della laguna di Marano, una bellissima oasi naturale quasi all’estremo est della Penisola, sorge il Marina Punta Gabbiani. Oltre trecento posti ormeggio in banchina e altri trecento posti nel dry marina, che

Torna su