Sirius dispersa nel Golfo del Leone: un nuovo incubo Parsifal?

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

01MainSi assottigliano sempre di più le speranze di ritrovare vivi Álexandro ed Emilio López, di 60 e 42 anni. I due skipper sono stati sorpresi da una forte burrasca di mistral nel Golfo del Leone l’1 maggio, mentre erano a bordo di Sirius, una delle barche d’epoca più famose, protagonista dei più importanti circuiti di regate d’antan internazionali. I due erano in navigazione verso Palma di Maiorca dopo aver mollato gli ormeggi a Cannes, di loro non si sa più nulla da quel giorno. Fino ad oggi non si trova traccia né della barca né di un eventuale zattera di salvataggio. Pare che su Sirius non ci fosse un Epirb.

UN NUOVO “PARSIFAL”?
Purtroppo, la vicenda presenta alcune similitudini con quella del Parsifal, la peggiore tragedia della vela italiana (qui vi raccontiamo il naufragio del cutter di 16 metri avvenuto 20 anni fa, con a bordo 9 persone: se ne salvarono soltanto tre), anche perché ci troviamo nello stesso tratto di mare. Le ricerche della barca e dei due velisti, ad ogni modo, continuano senza sosta.

siriusUNA BARCA DI RAZZA
Sirius, sloop Marconi in fasciame di mogano su ossatura in quercia, è la diciannovesima di 20 imbarcazioni costruite secondo i dettami di una gara d’appalto, formulata nel 1936, per la realizzazione di una nuova barca ufficiale per il New York Yacht Club. Lo studio Sparkman & Stephens vinse la commessa, dando vita alla classe NY 32. Il numero indicava la lunghezza al galleggiamento espressa in piedi (9,75 metri, per 3,21 di larghezza). Nel 2004 fu acquistata dall’italiano Fabio Mangione, anche proprietario di Al Na’Ir III del 1964, che la sottopose a un restauro effettuato sia presso il Cantiere Navale dell’Adriatico, a Rimini, sia presso quello dell’Argentario di Porto Santo Stefano. Nel 2006 si è piazzata terza di classe a Le Vele d’Epoca di Imperia e l’anno scorso, sotto l’egida dell’armatore Paolo Zannoni, ha vinto l’argento nella categoria Vintage al Panerai Classic Yachts Challenge.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

I migliori catamarani del 2024 per gli americani sono questi

Lo scorso 3 aprile durante l’International Multihull Boat Show allestito a La Grande Motte, in Francia, si è tenuta la cerimonia di premiazione del concorso “Multihull of the Year” organizzato in collaborazione con la rivista statunitense Multihulls World. Negli ultimi

Registrati



Accedi