developed and seo specialist Franco Danese

Mal di mare no grazie! Rimedi naturali (e non) per godersi la crociera

Barche a vela “a motore”, robot che regolano le vele. Dove stiamo andando?
20 aprile 2016
pen_duick
Il mitico Pen Duick II affronta di nuovo l’Atlantico. Al timone c’è l’uomo più veloce del mondo
21 aprile 2016

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

mal-di-mare
Qual è il peggior nemico del diportista in crociera? Il mal di mare.
Prima di rimpinzarvi di pastiglie e robaccia chimica leggete e provate a prendere qualche spunto da questa serie di rimedi “classici”… Il mal di mare, molto comune durante i primi due giorni in cui si sale su “qualcosa” galleggiante, è la reazione del corpo quando è sottoposto a particolari sollecitazioni provocate da spostamenti rapidi e repentini che sollecitano in continuazione il nostro apparato nervoso, obbligandolo a elaborare continuamente dati per ristabilire il giusto grado di equilibrio. Tuttavia non bisogna temerlo, perché generalmente dura poco tempo e, grazie a semplici “trucchi” può essere efficacemente combattuto. Ecco un piccolo prontuario dei rimedi da osservare con scrupolo, soprattutto con mare e vento forte.

crackersCOLAZIONE ASCIUTTA
Prima, fondamentale, regola quando si inizia una navigazione, magari anche di una sola giornata, è salire in barca avendo fatto una colazione “asciutta” e salata: al bando quindi cappuccino e croissant, viva i cracker salati, toast o un panino. Se siete in mezzo al mare e le condizioni meteo cominciano a farsi più impegnative, facendo sbandare la barca o sottoponendola a beccheggi e rollii, mai scendere sotto coperta, dove i movimenti sono ampliati e, in più, manca l’aria. Restate fuori, respirate e impegnatevi in qualcosa di pratico: fate su una cima, timonate, insomma cercate di tenere la mente occupata, questo vi impedirà di pensare a quella fastidiosa nausea. Se siete in vista della costa, osservate l’orizzonte: guardare un punto fisso, aiuterà i vostri occhi, i vostri centri dell’equilibrio e il vostro cervello a mettersi d’accordo. Se invece il mal di mare piano piano si sta impadronendo di voi, mantenete la calma, di mal di mare non si muore e solitamente passa nel giro di qualche ora. Anche se mangiare è l’ultima cosa a cui penserete, ingerire qualcosa solido è sempre d’aiuto. Ma attenzione a cosa. Un rimedio efficacissimo è il pane, meglio se con molta mollica, oppure dei crackers, meglio se salati. I pescatori dicono che un altro cibo anti-mal di mare sono le alici sotto sale… per i più coraggiosi! Anche le banane funzionano bene, così come tenere una fettina di limone in bocca. Il passaparola negli anni, ha decretato la Coca-Cola come vera e propria manna dal cielo per combattere la nausea: le attestazioni di successo di questo rimedio sono talmente numerose ed entusiaste, che ci si può fidare.

RELAX, TAKE IT EASY
Bene, ora che avete mangiato un filoncino di pane, due banane e qualche acciughina, copritevi con un maglione (fa freddo anche d’estate in barca, non fate i gagliardi a torso nudo con 30 nodi) e stendetevi a occhi chiusi a pancia in su nel punto più basso della coperta e respirate cercando di accompagnare i movimenti della barca. La nausea e il vomito ci prendono molte energie e sarete stanchi: in questa posizione supina non è raro che possiate addormentarvi, anche perché il nostro corpo è talmente intelligente che ci farà facilmente addormentare, alzando una delle più efficaci delle difese contro il dolore e la fatica: il sonno. E comunque, come già anticipato, un altro rimedio consiste nel… navigare. Ebbene si, concentrandoci su un’azione specifica, come timonare, o regolare le vele, distoglieremo l’attenzione dal malessere e staremo meglio.

Immagine-22I RIMEDI NON NATURALI
Per i più scettici riguardo i rimedi naturali, in commercio ci sono tanti “trucchi”, come i braccialetti Sea-Bands, da applicare almeno mezz’ora prima di salire in barca, o i famosi cerotti, che tuttavia hanno la grossa controindicazione di creare una forte sonnolenza, il rischio è di non essere lucidi e in barca può essere pericoloso. Infine, questi embrano degli occhiali da carnevale ma in realtà hanno stupito tutti per la loro efficacia contro il mal di mare. Grazie alla loro speciale composizione con del liquido al loro interno permettono di eliminare il senso di disorientamento e disequilibrio in mare e su ogni oggetto in movimento. Si chiamano Boarding Ring e potete trovare tutti i diversi modelli, da quelli per bambini a quelli da sole…

4 Comments

  1. Manuela ha detto:

    Durante una traversata dell’Atlantico con la Bark Europa nel 2006 il medico di bordo ci dava Cinnarizine, una medicina per problemi di equilibrio che lavora sull’orecchio. Mi sono trovata benissima e senza effetti collatterali.

  2. Mirko ha detto:

    Strano che non viene menzionato lo Zenzero…ottimo rimedio e naturale al 100%

  3. ciriani paolo maria ha detto:

    bisogna stendersi (anche in cuccetta) a pancia sotto perchè così si blocca lo sballanzolio dello stomaco e delle viscere: meglio se sopra ad un cuscino che comprime lo stomaco!In coperta va benissimo ad esempio mettersi con lo stomaco sopra ad un winch! Va bene una caramella di menta forte masticata rapidamente ed ingerita a pezzetti interi (no succhiata) e per chi ne sopporta il bruciore un po’ di peperoncino.

  4. MTiede ha detto:

    Cinnarizine e altri antiistaminici facilmante reperibili in ogni farmacia (anche come gomme da masticare) sono molto efficaci e quelli di nuova generazione non generano sonnolenza come quelli di prima generazione. Comunque il comandante li dovrebbe usare con cautela perché una garanzia sulla non alterazione dell’attenzione non credo ci sia. Da evitare in modo assoluto: il caffé

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi