In barca più comodi grazie ai vostri trucchi a costo zero!

trucchiVolete semplificarvi la vita a bordo, senza alleggerire il portafogli? Ecco tre trucchi che altrettanti amanti del fai-da-te di bordo ci hanno mandato. Soluzioni “smart” semplici da realizzare, grazie alle quali risolverete alcuni problemi: dove metto la canna da pesca in barca per non rovinarla? Come faccio a issare i parabordi senza mai abbandonare il timone se sono da solo in barca? E le cime nei gavoni come le appendo?

portacanna 1IL PORTACANNA DA GAVONE
Per fissare le canne da pesca a bordo del suo First 32.5, Massimo Sciutto consiglia di “utilizzare dei comunissimi supporti in plastica per corrugati elettrici da avvitare direttamente nella vetroresina o su tacchetti di legno poi incollati con silcaflex su di essa, per creare dei comodi e funzionali portacanne da posizionare nei posti più impensati”. Prosegue Massimo: “Il sistema si può adottare per altri elementi, come ad esempio i mezzi marinai estensibili, considerata la facilità di reperire in commercio supporti per corrugati di varie misure”.

Schermata 04-2457497 alle 17.21.09L’ISSA-PARABORDI AUTOMATICO
Massimo Sciutto ci svela un altro trucco geniale. “Nell’impiego quotidiano in solitario del mio First 32,5 (ma anche se si è in tanti)- spiega – mi è molto di aiuto aver collegato tra loro le estremità inferiori dei parabordi dello stesso lato con una cima unica, poi rinviata in coperta, a poppa (fig. 1). Quando viene messa in forza e fissata alla galloccia solleva tutti parabordi contemporaneamente in una posizione tale da non influenzare la navigazione con imbarcazione sbandata” (fig. 2). Una soluzione che “consente di avere la barca ed i gavoni sempre liberi dai parabordi e soprattutto permette a una sola persona di togliere e riposizionare i parabordi in pochi istanti durante le manovre” (fig. 3). Una trovata comodissima anche per chi effettua spesso uscite con equipaggi inesperti.

portacimeL’APPENDI-TUTTO DA GAVONE
Livio Bonura aveva un problema: i suoi gavoni erano spesso “in disordine fra cime, prolunghe e altro”. Lo capiamo benissimo. In effetti, alzi la mano chi non ha mai imprecato contro la roba incastrata nei gavoni, specialmente quando il tempo stringe e bisogna in fretta tirare fuori cime, taniche, cassette degli attrezzi”. Bonura ci ha pensato un po’ ed è pervenuto alla soluzione: “Basta una lista di legno con 3-4 o più appendiabiti da parete avvitati sopra. Incollate la lista sulla parete alta del gavone con la colla millechiodi e voilà!”. In questo modo potrete salutare definitivamente il caos nei gavoni senza alleggerire il portafogli: scontrini alla mano, Livio ha speso 3,50 euro.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su