Ice 33 Evo, il nuovo fulmine da regata tutto in carbonio e… pure carrellabile!

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

ice_33Un DNA corsaiolo caratterizzato da linee potenti, poppa d’inspirazione Volvo 70, prua rovescia e strutture a vista. E’ l’Ice 33, che nasce dalla matita di Umberto Felci aaposta per correre in regata: realizzata completamente in carbonio, con tecnica d’infusione sotto vuoto a tre step, pesa solamente 1800 kg con un’immersione di 2.50mt e lunghezza al galleggiamento pari a 9.99mt. Dal punto di vista strutturale e costruttivo, tutte le scelte sono state fatte con l’obiettivo di arrivare alla realizzazione di un composito leggerissimo e allo stesso tempo che rispondesse alle normative ISO.

ice 33 infusioneSul nuovo ICE33EVO è vietato avere peso extra a bordo. La barca è vuota, l’unico compromesso raggiunto al fine di agevolare i turni di riposo nelle regate lunghe sono il frigo portatile, il wc chimico e le cuccette in tubotela.

La coperta pulita e il triangolo di prua sgombro consentono la massima agilità nel cambio delle vele. L’ampio pozzetto, concepito per facilitare le manovre, ha 2 winch dedicati alle volanti, 2 per le scotte del genoa / gennaker e 1 per la batteria degli stopper. Pulpiti e candelieri in carbonio contribuiscono a minimizzare i pesi.

Il piano velico, ulteriormente migliorato dopo l’esperienza acquisita con i primi modelli, consta ora di un rig di Hall Masts con due ordini di crocette acquartierate in carbonio ed è divisibile in due parti per agevolare il trasporto (già, perché si tratta di una barca carrellabile) e il sartiame in PBO ha due volanti a poppa. Le lande sono senza arridatoi e nascoste nello scafo. La superficie velica in bolina con randa square top e genoa è di 72mq, mentre nelle andature portanti è di 210 mq con gennaker in testa albero.

I quattro esemplari varati in meno di due anni, due in mano ad armatori italiani e due gestiti in Francia da un nome mitico della vela come Marc Pajot, hanno ottenuto ottimi risultati in regata, dimostrando di essere capace di superare i 25 nodi alle andature portanti. Un DNA sportivo che risalta anche quando naviga a motore: con il fuoribordo da 9.9 cavalli ha superato i nove nodi di velocità. Il prezzo si attesta a 150.000 euro. Addirittura a motore ( fuoribordo montato entrobordo ribaltabile e a scomparsa) con soli 9.9 cavalli supera i 9 nodi e mezzo a dimostrazione delle sue linee filanti.
www.iceyachts.it

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

BARCHE USATE Vendono 5 grandi Classic Boat da 8,9 a 13,8 m

Continuiamo ad andare alla scoperta delle occasioni migliori di barche usate sul nostro mercatino degli annunci. Qui potete vendere e comprare barche usate (anche le Classic Boat storiche by Giornale della Vela!), accessori, posti barca, trovare l’idea giusta per le vostre vacanze e persino

I migliori catamarani del 2024 per gli americani sono questi

Lo scorso 3 aprile durante l’International Multihull Boat Show allestito a La Grande Motte, in Francia, si è tenuta la cerimonia di premiazione del concorso “Multihull of the Year” organizzato in collaborazione con la rivista statunitense Multihulls World. Negli ultimi

Registrati



Accedi