Ice 33 Evo, il nuovo fulmine da regata tutto in carbonio e… pure carrellabile!

ice_33Un DNA corsaiolo caratterizzato da linee potenti, poppa d’inspirazione Volvo 70, prua rovescia e strutture a vista. E’ l’Ice 33, che nasce dalla matita di Umberto Felci aaposta per correre in regata: realizzata completamente in carbonio, con tecnica d’infusione sotto vuoto a tre step, pesa solamente 1800 kg con un’immersione di 2.50mt e lunghezza al galleggiamento pari a 9.99mt. Dal punto di vista strutturale e costruttivo, tutte le scelte sono state fatte con l’obiettivo di arrivare alla realizzazione di un composito leggerissimo e allo stesso tempo che rispondesse alle normative ISO.

ice 33 infusioneSul nuovo ICE33EVO è vietato avere peso extra a bordo. La barca è vuota, l’unico compromesso raggiunto al fine di agevolare i turni di riposo nelle regate lunghe sono il frigo portatile, il wc chimico e le cuccette in tubotela.

La coperta pulita e il triangolo di prua sgombro consentono la massima agilità nel cambio delle vele. L’ampio pozzetto, concepito per facilitare le manovre, ha 2 winch dedicati alle volanti, 2 per le scotte del genoa / gennaker e 1 per la batteria degli stopper. Pulpiti e candelieri in carbonio contribuiscono a minimizzare i pesi.

Il piano velico, ulteriormente migliorato dopo l’esperienza acquisita con i primi modelli, consta ora di un rig di Hall Masts con due ordini di crocette acquartierate in carbonio ed è divisibile in due parti per agevolare il trasporto (già, perché si tratta di una barca carrellabile) e il sartiame in PBO ha due volanti a poppa. Le lande sono senza arridatoi e nascoste nello scafo. La superficie velica in bolina con randa square top e genoa è di 72mq, mentre nelle andature portanti è di 210 mq con gennaker in testa albero.

I quattro esemplari varati in meno di due anni, due in mano ad armatori italiani e due gestiti in Francia da un nome mitico della vela come Marc Pajot, hanno ottenuto ottimi risultati in regata, dimostrando di essere capace di superare i 25 nodi alle andature portanti. Un DNA sportivo che risalta anche quando naviga a motore: con il fuoribordo da 9.9 cavalli ha superato i nove nodi di velocità. Il prezzo si attesta a 150.000 euro. Addirittura a motore ( fuoribordo montato entrobordo ribaltabile e a scomparsa) con soli 9.9 cavalli supera i 9 nodi e mezzo a dimostrazione delle sue linee filanti.
www.iceyachts.it

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Allures 51.9

Tutti i segreti di Allures Yachting e il suo 51.9 (16 m)

Ve l’avevamo presentata qualche anno fa allo stand virtuale della Milano Yachting Week, Allures 51.9 è l’ammiraglia bluewater cruiser del cantiere capostipite del gruppo Grand Large Yachting, quarto costruttore francese di yacht. Nel corso degli anni, il gruppo ha acquisito

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Torna su