FOTOGALLERY La ricetta segreta per una regata super

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

VSD2016@christophe_jouany-6544
Con le sue 60 barche al via nella settima edizione, Les Voiles de Saint Barth (la grande regata aperta a tutti, dai più piccoli monoscafi fino ai superMaxi, nelle acque dell’isola caraibica di Saint Barthelemy, alle Antille Francesi) si conferma evento imperdibile della vela internazionale.
Non vi parleremo di risultati, ma degli ingredienti di cui ha bisogno una regata per diventare, appunto, grande.

LES VOILES DE ST. BARTH – GLI SCATTI DI CRISTOPHE JOUANY E MICHAEL GRAMM

RICETTA PER UNA REGATA DI SUCCESSO
Innanzitutto il clima di festa e divertimento che deve accompagnare una manifestazione: in mare tutti avversari, a terra tutti amici. A Saint Barth va in scena una vera e propria festa della vela, con tanti eventi collaterali riservati agli equipaggi. Si tratta davvero di una vacanza, per di più in una location unica. Poi la possibilità, per tutti, di prendere parte alla regata. I più fortunati lo fanno con la propria barca ma buona parte dei concorrenti è in realtà a bordo di barche charter. Sul sito dell’evento, in effetti, si può entrare in contatto con società che offrono imbarchi sugli scafi più disparati, dallo Swan 49 al maxitrimarano di 77 piedi, dalla barca di serie su larga scala al VOR 70. Inoltre esiste una sezione apposita di “cerco e offro imbarco” per armatori ed equipaggi. Infine, barca chiama barca: anno dopo anno è aumentato vertiginosamente il numero di “bolidi” coinvolti, da Comanche a Rambler, da Team Brunel a Maserati, da Phaedo 3 a SFS.

UN PARAGONE AZZARDATO? FORSE NO
Lasciamoci andare a una considerazione. Gli ingredienti succitati assomigliano molto a quelli della VELA Cup (a proposito: vi aspettiamo a Santa Margherita sabato 7 maggio): c’è lo splendido Tigullio al posto di Saint Barth. Ci sono i charter e il cerco-offro imbarco. Ci sono Supernikka e Il Moro di Venezia al posto di Comanche e Rambler. C’è lo stesso spirito di festa.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

VIDEO Un rientro in porto da leoni

Un ingresso in porto da veri eroi per i due velisti a bordo di questo catamarano: hanno saputo aspettare il momento giusto per “surfare” grazie alle altissime onde che frangono in prossimità della costa inglese del Merseyside, a Southport. GUARDA

Nove mete dove navigare almeno una volta nella vita

Stanchi delle solite zone di navigazione? Volete provare qualcosa di diverso? Ci sono luoghi che, per gli appassionati di vela, hanno qualcosa di magico. Alcuni sanno di avventura estrema, come la Penisola Antartica, altri si rifanno alla grande tradizione Made

Registrati



Accedi