developed and seo specialist Franco Danese

“Le donne in barca lavorano meglio”: parola di Capitano Liz

Quest’estate riscopriamo i fari italiani. INFOGRAFICA di una crociera diversa
14 aprile 2016
La grande cittadella della vela: ecco come sarà il VELAFestival 2016
14 aprile 2016

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

atlantic crossLiz Gillooly è una bella ragazza di 25 anni. Ma ciò che più conta, è un vero marinaio. Skipper professionista, ha tante storie da raccontare: ha cavalcato i delfini a Tortola, cucinato pancakes mentre navigava sulla barriera corallina, sfidato tempeste a 700 miglia dalla costa. Autrice del blog “Moxie and Epoxy”, chi meglio di lei può raccontare la vita di bordo dal punto di vista di una donna?

ringgameIL LAVORO PERFETTO
“Ho trovato il lavoro perfetto”, spiega, “unendo la mia passione per la vela all’amore per il viaggio. Sono incredibilmente fortunata ma questo stile di vita richiede un sacco di duro lavoro”. Da bambina Liz ha odiato la vela, perché i genitori l’avevano iscritta a un corso e lei, priva di spirito competitivo, non sopportava che gli istruttori costringessero i ragazzi a gareggiare tra loro. “Cinque anni fa mi hanno offerto un lavoro a bordo di una un racer di 80 piedi che da New York era diretto ai Caraibi. Ho capito che quella era la mia vita, da allora ho lavorato su tante imbarcazioni diverse in giro per il mondo. Trovare lavoro a bordo è più facile di quanto sembri. Ho fatto esperienza sia nel day-charter che in situazioni in cui c’era da vivere in barca per mesi”. I suoi posti preferiti? “Le Isole Vergini Britanniche, gli arcipelaghi della Grecia e Maui, alle Hawaii, dove consiglio di andare durante la stagione delle megattere”.

665868_4361184624416_788512817_oMENO MUSCOLI, PIU’ CERVELLO
Le ragazze che lavorano sulle barche, di solito, hanno una bella ‘scorza’. “Non importa se ci sporchiamo mentre siamo nel vano motore a smanettare, o impegnate in lavori manuali qua e là. Siamo brave a trovare soluzioni che non richiedano troppo sforzo. Non è vero che le donne in barca lavorano di più degli uomini, lo fanno in maniera più furba, usando la testa! Ho lavorato con tanti colleghi e da loro ho ottenuto sempre grande rispetto e stima”.

GOPR1157VELA UGUALE LIBERTA’
Che cosa è la vela per il capitano Liz? “Per me, vela significa libertà. Libertà finanziaria, libertà fisica (da un lavoro dietro una scrivania), libertà di vedere il mondo”. Quando si dice avere le idee chiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi