Aiuto, il rollafiocco si è bloccato! E adesso cosa faccio?

ape_rollafioccoSe il rollafiocco si incastra e non c’è verso di avvolgerlo non insistete nel cazzare. Il consiglio per prevenire questo inconveniente è di non effettuare mai questa manovra su un winch e, se ovviamente le dimensioni della barca sono contenute, di riavvolgerlo sempre a mano. Un altro accorgimento importante per evitare intoppi è quello di riavvolgere il genoa mantenendo sempre le scotte non bloccate, ma in tensione (senza esagerare per non generare delle torsioni sullo strallo, che potrebbero rovinare il profilo del rollafiocco).
Una buona procedura per avvolgere il fiocco consiste nel poggiare al lasco per ridurre il vento apparente, lasciare filare la scotta e riprendere a mano la cima del rollafiocco. Se ne avete bisogno, potete chiedere a un membro dell’equipaggio di spostarsi a prua per aiutare la vela. Se dovete per forza usare il winch, prestate la massima attenzione.

avvolgifiocco
Cosa fare quando si incastra la cima nel tamburo

Quando l’avvolgifiocco si blocca è bene controllare che la cima non si sia incattivita nel tamburo, un fenomeno frequente quando, a fiocco svolto, non si blocca la cima dell’avvolgitore o quando il primo giro della cima è orientato male. Con poco vento, per risolvere il problema, potete far girare a mano senza cima il rollafiocco tenendo le mani all’altezza del petto e la vela molto lasca, questo vi permetterà di trovare il punto in cui la cima si è incattivita. Questa manovra va effettuata alle portanti con la vela lasca. Se invece il vento è sostenuto il consiglio è quello di ammainare il genoa e rimettere tutto in ordine.

avvolgifioccoCosa fare se il problema è in testa all’avvolgitore
Se il problema è invece in alto, all’attacco della testa dell’avvolgifiocco con l’albero, potrebbe esserci la drizza dello spi incastrata che blocca l’avvolgimento del fiocco. Un’altra causa potrebbe essere la stessa drizza del genoa: se è troppo lasca impedisce alla parta alta di ruotare. Se il problema si presenta spesso controllate che l’angolo tra il rollafiocco e la drizza non sia superiore ai 10°.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Aiuto, il rollafiocco si è bloccato! E adesso cosa faccio?”

  1. Sono mollti anni che rullo il Genoa con il winch elettrico senza il benche minimo problema. Si tratta solo di prestare attenzione nell’uso del winch (stessa cosa per il rullaranda) e mantenere una “certa” tensione nella scotta. Non troppa ne troppo poca. Se troppa il winch sforza , se troppo poca il Genoa si avvolge male e la cima avvolgitrice puo’ ingrovigliarsi sul tamburo del rullafiocco. Con un po’ di attenzione si raggiunge un buon equilibrio. Manovra da fare con vento preferibilmente al lasco, comunque entro dal traverso al gran lasco. Sulle mura giuste.
    Il discorso per il rullaranda cambia vento da prua leggermente da bolina strettissima sulle mura giuste.
    Ricordarsi al termine della manovra di bloccare la cima del rullafiocco e del rullaranda!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su