Il mistero della nuova barca di Jeanneau. Dietro le quinte si dice che…

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

ape_jeanneauLa scorsa settimana siamo stati alle prove organizzate da Jeanneau a Cannes (ricordate, vi abbiamo raccontato la nostra prova del sistema AST a bordo di un Sun Odyssey 519), che sono state anche l’occasione per fare quattro chiacchiere… dietro le quinte. Negli ultimi due anni il cantiere transalpino, oltre ad aver rinnovato tutti i modelli Oceanis, ha puntato forte anche sul potenziamento della sua gamma Jeanneau Yacht (l’ammiraglia, per intenderci).

Rumors di banchina vogliono pronti per la prossima estate i disegni di un nuovo modello, che dovrebbe affiancare i già conosciuti Jeanneau 54, 57 e 64. O forse andrà a sostituire proprio il modello di mezzo, il più attempato dei tre. Qui siamo nel campo, come detto delle illazioni, ma quel che è certo è che riprenderà gli stilemi e le caratteristiche del 54 e del 64, pluripremiati sia in Europa sia negli Stati Uniti.

QUANDO ABBIAMO PROVATO LO JEANNEAU 54

Ape_jeanneau_54Ci sono sorprese che riescono meglio di altre. Quella di Jeanneau è venuta benissimo. Il cantiere francese è infatti riuscito a tenere nascosto fino all’ultimo momento il lancio del suo nuovo 54 piedi, grande novità della prossima stagione, che sarà presentata ufficialmente a Cannes a settembre. 

Si tratta di un modello dalle linee accattivanti, caratterizzate dalla grande finestratura ai lati della tuga, che riesce a mantenere il profilo basso senza limitare la luminosità interna (qui intervengono anche i quattro oblò a murata), tratto distintivo dell’accoppiata Philippe Briand e Andrew Winch, già autori del 64 piedi.

. Si punta, seguendo anche le richieste del mercato, su un pozzetto extralarge, che risulta ancora più vivibile grazie allo specchio di poppa abbattibile, che non si limita a diventare una plancetta bagno, ma come si può vedere nelle foto è dotato di cuscineria per creare due veri lettini.

SONY DSC

I winch sono posizionati subito a proravia delle due ruote del timone, in una posizione che, a prima vista, appare corretta per lavorare comodamente sulle scotte. Il paterazzo sdoppiato appare, e questo è un dettaglio azzeccato, lontano dalla testa del timoniere (quante volte capita di doverlo schivare?). Il piano velico conta una randa allungata e un genoa a bassa sovrapposizione, segno evidente della volontà di ottenere una barca facile da gestire e manovrare.

SONY DSC

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi