developed and seo specialist Franco Danese

Gianin VI: la vera storia della CULT #plasticfantastic. Venite a vederla sarà al VELAFestival!

SPECIALE USATO I controlli da fare per capire se state prendendo un bidone
23 marzo 2016
Spirito francese al VELAFestival: Centurion 57 Wauquiez e RM 8.90
23 marzo 2016

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Gianin VIUna storia curiosa quella di Gianin VI, un Hallberg Rassy 41 del 1976  (progetto del 1963) resuscitato dal suo armatore che l’aveva trovato abbandonato con una scarpa dentro una padella, mischiata ad una puzzolente pasta aglio, olio e peperoncino. Adesso Gianin VI è una stupenda barca che si è permessa di vincere per due volte la regata lunga più importante del Mediterraneo, la Giraglia, mettendosi alle spalle tante imbarcazioni di ultima generazione con grande soddisfazione.

Quest’anno, oltre ad essere una delle barche candidate al premio Velista dell’Anno (premio che sarà consegnato durante la serata di venerdì 6 maggio, l’appuntamento è aperto a tutti a partire dalle 19), sarà in banchina come regina delle CULT #plasticfantastic dove festeggerà i suoi primi quarant’anni insieme al suo armatore, a tutto l’equipaggio e agli amici. E domenica 8 maggio alle 14 sarà anche tra le protagoniste del #plasticfantastic Tribute.

Schermata 2016-03-23 a 10.08.52

Questo il racconto “strappalacrime” che ci ha regalato Ciccio Supparo, l’armatore innamorato di Gianin VI, : “Ho comprato la barca a Lavagna nell””86 da un signore Inglese che l’aveva completamente disastrata e abbandonata li’ l’anno prima. In un cassetto della cabina di poppa ho trovato una sola scarpa dentro ad una padella con aglio, olio e peperoncino con gli avanzi della pasta….! ( questa puo’ essere presa come immagine della stato della barca …). Dentro pioveva come fuori, l’acqua era subito sotto i paglioli, il motore era esploso per mancanza di acqua dolce nello scambiatore, le vasche “”nere”” erano piene, non funzionava nessun WC, ecc…. Fuori i boccaporti deformati, la coperta rovinata, le vele ammuffite e scoppiate… Pero’ strutturalmente la barca sembrava sana e l’ho pagate 50.000 sterline cioe’ in quel momento Lit. 99.750.000, cioe’ poco, anche perche’ altro non avevo. ( valore corrente se in ordine Lit. 180 M circa ) Arrivavo da : gommone di mt 2,30 ( avevo 14 anni ), altro di mt. 3,10. Zodiac Mk 2 ( 7000 mg ), Zodiac Mk 3 ( 5000 mg ), Gommone Bat 10 mt 5,60 ( leggendario…8000 mg ) , motoscafo Akis CB mt, 6,20 ( mg. 15000 ), pilotina olandese 32′ lenta ( a 9 knts 36.000 mg. oggi a Sanremo in semidisarmo …) queste ultime due di mio padre con cui navigavo sempre. GIANIN, e’ l’Hallberg Rassy 41 no. 39 del 1976 di 104 costruite, l’ultima nel 1989. Oggi disloca in assetto di navigazione ( ..con vino ) circa 16 ton mentre il cantiere parlava di 11,5 e lo stazzatore inglese precedente 14,75. Ci vivo nei week end e ci navigo appena posso. Abbiamo fatto la Giraglia nel 2004 ( 53° assoluto ) e le regate dell’Hallberg Rassy nel 2005 ( 3° ) e nel 2006 ( 5° ) oltre a regate con i Fratelli della Costa, nel Tigullio, e … della pizza.. Poi le due grandi soddisfazioni : due vittorie in ORC niente po’ po’ di meno che alla lunga della GIRAGLIA, nel 2011 e nel 2015 ! E in piu’ non di classe, ma Over All, con un’infinita’ di barche dietro nel 2015, anche in reale ! Ogni anno cerco di allungare un po’ le vacanze per viverla un po’ di piu’ d’estate, perche con Lei ( la maiuscola mi e’ venuta spontanea ) … ci sto proprio bene..! Comunque la barca non e’ fatta per la bolina, ne’ per l’onda formata di prua, ma appena allarghi, e di li’ in poi, e’ come essere in una pantofola calda e amica…e per questo …la adoro!! Oggi la barca e’ “”vecchia”” e per quanto la si possa amare, non puo’ valere piu’ molto, ( negli anni ho speso ben di piu’ nelle sole ristrutturazioni ) ma, anche per questo motivo, ma soprattutto perche’ e’ ormai di famiglia,…. non si vendera’ ! GIANIN, mia adorata fidanzata galleggiante, accetta un augurio di “BUON VENTO” dal Tuo innamorato armatore !”

1 Comment

  1. Enzo Di Gesù ha detto:

    Vincere per due volte la Giraglia con questa barca, superando imbarcazioni ipertecnologiche ed equipaggi professionisti, è un’impresa epica. Bravi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi