Marina di Balestrate, da teatro dell’assurdo a porto turistico

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

balestrate
Un pasticciaccio brutto all’italiana che, finalmente, parrebbe essersi risolto. Stiamo parlando del Marina di Balestrate
(Palermo), finalmente consegnato in gestione alla società omonima con a capo il manager Renato Marconi in qualità di Amministratore Delegato, ed entrato a far parte di Marinedi, la rete portuale che conta altre sette strutture connesse in giro per lo Stivale. Il porticciolo turistico è stato protagonista di una situazione che sarebbe eufemistico definire paradossale: terminato nel 2001 dopo anni di lavoro (e un costo di circa 30 milioni di euro)… non è mai stato utilizzato.

porto-balestrate-920IMPASSE DA TEATRO DELL’ASSURDO
Questo perché ogniqualvolta una società presentava un progetto vincente per la gestione dell’area (un’occasione di business allettante, poiché il Marina è in posizione centrale rispetto alle città di Palermo e Trapani, nel mezzo delle rotte marittime che collegano le isole Eolie alle Egadi, e a pochi chilometri dall’aeroporto di Punta Raisi), le società che avevano perso l’appalto presentavano i ricorsi più o meno fantasiosi. Se ne sono sentite di tutti i colori: che il porto non avesse una strada di accesso (quando nella realtà ne possiede tre), che la falesia sovrastante potesse crollare (peccato che l’intera cittadina di Balestrate sia costruita su quella falesia), che fosse realizzato in cemento impoverito e via dicendo.

Schermata 2016-03-16 a 17.14.48IN FUTURO OLTRE 600 POSTI BARCA
Ora, dopo 15 anni, finalmente il porticciolo entrerà a regime, anche se gradualmente. Si inizia dal 15 aprile con 150 posti barca e saranno investite le prime risorse per mettere in sesto il porto (la zona in gestione è di 26.825 mq fra specchio acqueo e aree a terra). In prospettiva il Marina di Balestrate potrà ospitare fino a 645 imbarcazioni, di cui 67 dedicate alla pesca (si dovrebbe raggiungere, entro l’anno prossimo a 80.711 mq operativi), con notevole incremento di personale assunto che, assicura la società con a capo Renato Marconi in qualità di Amministratore Delegato, sarà locale. www.marinadibalestrate.com

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Marina di Balestrate, da teatro dell’assurdo a porto turistico”

  1. Alberto Bacchilega

    Avevo cliccato CIAO ITALIA VI SPIEGHIMO COME CAMBIARE LA BANDIERA DELLA BARCA. E’ saltato fuori MARINA DI BALESTRATE DA PORTO TURISTICO A TEATRO DELL’ASSURDO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Classic IOR iconiche: Aiutateci a trovarle e celebrarle

Tra il finire degli anni ‘60 e l’inizio degli anni ‘90 troviamo quella che fu, forse per nostalgia, forse per merito, la Golden Age della vela, quasi un trentennio di scoperte, regate eccezionali e di barche inimitabili. Fu il tempo

Registrati



Accedi