“Oracle? Ha vinto la Coppa America con l’inganno!”

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

25/09/2013 - San Francisco (USA,CA) - 34th America's Cup - ORACLE Team USA vs Emirates Team New Zealand, Race Day 15

Emilio Martinelli ha scovato in un libro appena pubblicato negli Stati Uniti un’accusa precisa e circostanziata nei confronti di Oracle, il catamarano che ha vinto clamorosamente l’ultima Coppa America, rimontando da 1 a 8 a 9 a 8 lo sfidante neozelandese. L’inganno c’era, svela il velista/giornalista G. Bruce Knecht, gli esperti sapevano ma nessuno ne aveva mai scritto esplicitamente…

Ecco l’articolo che Martinelli ha scritto per la Gazzetta dello Sport:

Il titolo è “The Comeback” (“Il Ritorno”), l’autore è G. Bruce Knecht, giornalista statunitense che di vela ne sa abbastanza (era a bordo di Mari Cha IV quando, nel 2005, stabilì il record di traversata dell’Atlantico da New York a Cape Lizard, estremo lembo d’Europa) e il ritorno di cui si parla ruota attorno alla vittoria di Oracle Team Usa all’edizione 2013 dell’America’s Cup. Quella di San Francisco. Soprattutto quella della rimonta da 1 a 8 al famoso 9 a 8 del team di Larry Ellison, Russell Coutts e James Spithill sui neozelandesi di Grant Dalton e Dean Barker. Un ritorno dopo due anni e mezzo; un tempo che l’autore non ritiene abbia fatto dimenticare cosa è successo nella baia di San Francisco quando il defender americano ormai alle corde, improvvisamente, trovò una velocità sconosciuta che gli permise di vincere otto regate di fila, annichilendo i kiwi. Regate vinte, dice l’autore, con l’imbroglio.

91krfDA7znLESAME
Nel libro, Knecht esamina a fondo tutta una serie di modifiche fatte dal defender statunitense, ma si sofferma in particolare su un elemento: appunto la velocità dimostrata nell’andatura di bolina (contro vento), grazie alla facilità con cui l’AC72 statunitense veniva portato a sollevarsi dall’acqua e a entrare in foiling (volare sull’acqua grazie a speciali derive, foil appunto). Il problema è come veniva ottenuta questa superiore velocità. E qui sta la rivelazione di The Comeback. Per Knecht il “trucco” era un veloce “pompaggio” della wing, la vela alare, che veniva in maniera costante cazzata (tirata) e lascata (mollata) creando, a ogni “tiro”, un surplus di spinta sull’ala. “Dopo ogni virata” scrive Knecht, “il frenetico movimento di pompaggio della wing permetteva alla barca di ‘alzarsi’ velocemente sui foil. Con la barca liberata dalla resistenza dell’acqua Oracle guadagnava rapidamente terreno rispetto ai kiwi”.

americas-cup2Grazie al continuo pompaggio Spithill poteva in pratica ritardare la virata nel bordeggio della bolina portando la barca con una rotta più diretta rispetto alla boa seguente senza ‘scendere’ dai foil. Pompare in maniera no-stop era cruciale. “Se non avessimo pompato la wing, avremmo perso terreno”, ha spiegato Spithill. Insomma, secondo Knecht Oracle ha vinto grazie a un imbroglio. Questo se fosse stata una regata normale (la regola 42 del Racing Rules of Sailing, il Regolamento Internazionale di Regata, che si occupa della propulsione della barca, proibisce il pompaggio), ma qui si tratta di Coppa America e allora… Allora nella Coppa la regola 42 era stata modificata e prevedeva che: “Una barca deve competere usando soltanto il vento e l’acqua per aumentare, mantenere o diminuire la propria velocità. Il suo equipaggio può regolare l’assetto della wing, delle vele, dei timoni, di derive e scafi ed eseguire altre azioni di marineria “. Tutto qui, e mentre il Regolamento della Coppa conteneva un lungo elenco di cose che si potevano o non si potevano fare, non esisteva alcun riferimento al pompaggio, che, va ricordato, nelle regate normali è proibito. Insomma, nelle regate della Coppa 2013 si poteva solo “regolare wing e vele”. Resta così la domanda che G. Bruce Knecht alla fine di The Comebak (sottotitolo “Come Larry Ellison ha vinto l’America’s Cup) rivolge al lettore: Quello che ha fatto Oracle era permesso dalle regole di regata? A voi la risposta.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su ““Oracle? Ha vinto la Coppa America con l’inganno!””

  1. Se non espressamente vietato, vuol dire che è permesso, La domanda è un’altra il tattico degli avversari cosa stava guardando? Un serial televisivo ad episodi?

  2. Ricostruzione interessante, che tuttavia fa passare in secondo piano il vero imbroglio degli americani, del quale nessuno ha mai più parlato. E cioè l’introduzione (quella sì esplicitamente e sicuramente vietata) del controllo elettronico sull’assetto dei foils. Perché nessuno ne ha più parlato? Dove sono i giornalisti di una volta?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su