Ormeggi in un porto italiano e non sai quanta IVA pagherai

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

iva-posto-barcaIl caos torna a regnare nei porti italiani che non sanno più se applicare l’IVA al 10 o al 22% sui posti barca in affitto. Un colpevole c’è ed è la burocrazia italiana e la sua folle legislazione. Ecco l’allucinante riassunto degli eventi.

UNA FOLLIA ALL’ITALIANA
Due anni fa, finalmente anche i posti barca vengono equiparati a strutture turistiche all’aria aperta, come per le aree di sosta dei camper, a cui viene applicata un IVA al 10% in luogo di quella usuale del 22%. Precedentemente alcune regioni come la Liguria e il Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna si erano arrangiate da sole varando delle leggi regionali sul principio del “Marina Resort”. Bene, dopo che la legge di stabilità 2016 aveva reso permanente la norma del 10% sembrava tutto finito. E no, invece. Un mesetto fa la Corte Costituzionale, a cui si era rivolta la regione Campania sostenendo contro i suoi stessi interessi che la norma non era applicabile sul suo territorio, ha sancito l’illegitimità dell’applicazione dell’IVA turistica al 10% sui posti barca.

LA LEGGE REGIONALE VINCE
E allora, fermi tutti? No perché, grazie alle loro leggi regionali, le tre regioni che avevano varato normative autonome continuano ad applicare, se la struttura portuale ha i requisti di “marina resort”, l’IVA al 10%. Intanto altre regioni come la Sardegna e – udite udite – come la Campania stessa che ha originato il caos, stanno correndo ai ripari cercando di varare norme che gli permettano di applicare l’IVA al 10%.

SERVE UN MINISTERO DEDICATO
La morale? Sino a quando un Ministero non prende in mano tutta la materia relativa alla Nautica da Diporto e butta via tutta la vecchia normativa (normativa del diporto, registro delle imbarcazioni, strutture portuali, controlli in mare, normative fiscali, parchi marini, concessioni demaniali, ecc) e riparte da zero con nuove norme semplici, chiare, logiche e adeguate ai tempi continueremo ogni giorno a leggere storie allucinanti come questa. Basterebbe ispirarsi alle norme di paesi vicini come Spagna, Francia ma anche Turchia e Croazia per rendere normale un paese che normale non è: l’Italia.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

7 commenti su “Ormeggi in un porto italiano e non sai quanta IVA pagherai”

  1. M.D.Marco Forte

    Nulla di strano di cui meravigliarsi : l’Italia diventa la nazione presidente del neo-club U.C.A.S. = ufficio compilazioni affari semplici….
    Marco

  2. dopo la “caccia alle streghe” del governo Monti che ha convinto molti armatori a lasciare x sempre l’ italia questa è la volta buona che i porti si svuoteranno del tutto a beneficio dei porti stranieri limitrofi. Corsica, costa azzurra, Slovenia e Tunisia ringraziano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi