Un regolamento unico per la aree marine protette? Vittoria schiacciante del “Sì”

maddalenaUno dei temi caldi della lotta alla burocrazia italiana, insieme a quello che riguarda il cambio di bandiera, è quello che vede protagonista in negativo le nostre aree marine protette. Anzi, per essere più precisi, quei regolamenti spesso astrusi, e diversi da regione a regione, che rendono sempre più difficile per i diportisti godere delle zone più belle d’Italia.

Un danno anche economico, perché come  già accade in altre nazioni (vedi la Francia), una corretta gestione degli ingressi nelle aree marine protette, degli ormeggi e dei campi boa, oltre che preservare il territorio consente anche di muovere l’economia e di autosostenere le aree stesse.

Vi abbiamo chiesto cosa pensate della necessità di creare un regolamento unico italiano per tutte le nostre diverse aree marine protette, scavalcando di fatto la “sovranità” delle singole regioni. Forse la vittoria del “SI” nel nostro sondaggio era preventivabile, ma non i numeri: l’84% dei votanti ha espresso parere favorevole.

[socialpoll id=”2336365″]

Anche i commenti che ci avete inviato rispecchiano l’andamento delle votazioni. Giorgio ci scrive, per esempio: “Al solito, i più tirano l’acqua al proprio mulino, facendo finta di non capire che la tutela di beni così delicati va al di là del godimento personale degli stessi (cui peraltro NON si ha diritto, trattandosi appunto di aree protette ovvero aree demaniali non accessibili liberamente).
Ognuna di queste aree può avere caratteristiche particolari tali da richiedere approcci di gestione diversi. Ed ognuna di queste aree può trovarsi in una sua particolare situazione dal punto di vista amministrativo, tale da rendere possibili alcune cose e non altre.
Non va dimenticato che se esistono restrizioni non è certo perché la totalità dei diportisti è responsabile, rispettosa e beneducata.
Il fatto che alcune siano gestite in modo lacunoso o anche sbagliato non giustifica alcuna pretesa“.

E ancora, Umberto addirittura inizia a ragionare sulle modalità di accesso: “Le peculiarità ci sono e possono restare ma dei punti comuni ci vogliono esempio:
-visto che sono state istituite per far cassa, che i soldi raccolti siano reinvestiti sino all’ultimo euro solo su progetti di educazione e informazione e non sugli stipendi di chi ci lavora o da le multe.
-che chi la istituisce sia obbligato a marcarne i limiti con segnalamenti univoci e conformi alle normative marittime europee.
Che la navigazione a vela sia consentita.
ecc“.

Voi , cosa ne pensate?


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Pulisce il winch, esplode la barca. Cosa è successo?

Lo scorso 26 novembre lo skipper francese Quentin Mocudet mentre stava facendo alcuni lavori di manutenzione al suo Mini 6.50 “Kiralamure”, ha fatto scoppiare un incendio che ha fatto esplodere la barca. Sembra che stesse utilizzando la famosa “Benzina F”.

Torna su