developed and seo specialist Franco Danese

Quattro uomini in barca (intorno al mondo) – Seconda parte

Italiani, popolo di “voltabandiera”: il problema? Troppa burocrazia
24 febbraio 2016
Velista dell’Anno, i Magnifici 52 / 2 (da Chiarotti a Ferraro-Ierardi)
25 febbraio 2016

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

22846222874_2b2607f4d8_oAmici da sempre, un po’ ignoranti in fatto di vela ma con un sogno: girare il mondo prima di entrare nel mondo del lavoro. Per farlo hanno trasformato uno Jeanneau in una barca completamente ecologica e autosufficiente… NELLA PRIMA PUNTATA vi abbiamo raccontato la preparazione della barca, ora arriva il momento di salpare!

15198496039_d7fe6c4870_oL’EMOZIONE DELLA PARTENZA

Finalmente, dopo mesi di lavori nel piazzale di un cantiere, arriva il momento del varo. “C’era un’emozione indescrivibile, intorno a noi si erano riuniti non solo amici e familiari, ma anche tanti appassionati che avevano iniziato a seguirci sui canali social del progetto e soprattutto su YouTube. Eravamo stanchissimi, ma che magia dopo due anni di lavoro!”.

16458026817_0f07704b68_oDALLA FRANCIA ALI OCEANI
Partiti dalla Francia, i quattro amici sono passati per la Galizia e Capo Verde, prima di lanciarsi nella traversata atlantica. Dopo un periodo trascorso ai Caraibi, nel corso del quale hanno realizzato una serie di veri e propri documentari (li trovate sul loro sito www.ecosailingproject.com) per illustrare le problematiche ecologiche dei luoghi, gli avventurosi francesi hanno attraversato il Canale di Panama, raggiungendo anche un altro traguardo: negli oltre 100 anni di vita di uno dei più trafficati luoghi del pianeta, mai una barca a vela interamente ecologica era passata da un oceano all’altro.

16042913704_a2bf9171ab_oDopo avere attraversato il Pacifico, toccando Galapagos, Taihiti, Nuova Caledonia e le Reunion nell’Oceano Indiano, ora sono in rotta verso il Sudafrica. Una volta passato Capo di Buona Speranza, si getteranno nuovamente al di là dell’Atlantico per toccare le coste del Brasile, prima di raggiungere le Azzorre e rientrare in Bretagna. “Natura a parte, incontrare culture così diverse dalla nostra è stato l’aspetto più emozionante di questa avventura”.

16396199709_0bb691660c_oFERMARE IL CONSUMISMO ESAGERATO
C’è un altro aspetto che mi ha colpito, quando ho scoperto la storia di Amasia e del suo equipaggio. La velocità con la quale stanno compiendo questo giro del mondo (un anno e mezzo in tutto) rispettando il programma con grande precisione. “Una decisione che che ci sta obbligando a trascorrere circa metà del tempo complessivo per mare. La convivenza a bordo a volte diventa complicata e sopportarsi a vicenda non è facile! Inutile nasconderlo, si è rivelata proprio questa la parte più difficile di tutto il progetto. Ma sappiamo bene di essere fortunati nel poter vivere un’esperienza del genere. Forse è utopia, ma se ognuno di noi avesse la possibilità di viaggiare, sarebbe più facile preservare le ricchezze della natura. Viaggiando su una barca che non spicca per i comfort e scoprendo modi di vita molto diversi, abbiamo capito molto del consumismo. Nella nostra società occidentale i consumi sono eccessivi. Noi siamo molto più felici adesso che lo abbiamo capito”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi