Barca a vela o a motore? Entrambe! Ecco BD56!

56BD_CAM1_006 - COLCHONETAVi avevamo parlato qualche tempo fa del progetto di Royal Huisman che prevedeva uno stesso scafo di base per realizzare sia una barca a vela che a motore (idea manifestata, pionieristicamente, anche dall’Ingegner Benito Misurale). Ora il cantiere spagnolo BD Yachts presenta BD56, esclusivo concept che condensa tutti i vantaggi della navigazione a vela e di quella a motore in un originale e lussuoso – così viene autodefinito dal cantiere – Suv del mare. Dedicato agli armatori, esigenti ed esperti, che detestano gli stereotipi. Forte di una lunga esperienza nella costruzione di megayacht di lusso e di racer altamente performanti, e profondo conoscitore delle esigenze degli armatori, BD Yachts ha sfornato uno yacht custom made che scavalca i concetti di “vela” e “motore” e inaugura un nuovo modo di navigare, libero da vincoli ed etichette.

56BD_EXTERIOR_CAM 2-COLCHONETATECNOLOGIE DA VOR E COPPA AMERICA
Vincitore del Myda 2009 (Millenium Yacht Design Award), lo yacht lungo 16,66 metri per 4,5 metri di larghezza, presenta uno stile deciso e per la natura ibrida, con una sovrastruttura interamente vetrata che si accorda con le linee sportive e performanti dello scafo. Ma è il condensato di dettagli e di tecnologia a farne un super yacht di lusso in taglia ridotta. Costruito con le tecnologie e i materiali più all’avanguardia, sperimentati con successo su imbarcazioni della Volvo Ocean Race e della Coppa America.

A VELA…
Realizzato in resina vinilestere con la tecnica del sottovuoto, monta chiglia retrattile – capace di passare da 2.1 metri a 3.5 metri di profondità -, albero in carbonio, randa avvolgibile e fiocco autovirante e, grazie a un piano velico e a linee d’acqua ottimizzati con l’utilizzo di software di ultima generazione, raggiunge eccellenti punte di velocità, per soddisfare anche i regatanti più sfrenati. Il piano di coperta pulito ed ergonomico con doppia timoneria consente di avere tutte le manovre a portata di mano, facilitando il lavoro dell’equipaggio e garantendo la sicurezza degli ospiti.

… E A MOTORE
Se il vento non arriva, il tempo si fa cattivo o c’è bisogno di rientrare velocemente in porto, il BD56 si trasforma in un attimo in un veloce motoryacht, capace di navigare a 21 nodi in tutta sicurezza e nel massimo comfort, spinto da due motori fuoribordo: questa soluzione non solo aumenta le prestazioni della barca sotto vela, ma permette anche di sfruttare al massimo i volumi interni, e di modulare il layout sulle esigenze del committente.

PAROLA D’ORDINE SEMPLICITA’
BD56 è una barca estremamente semplice da gestire, anche in equipaggio ridotto o alle prime armi. La randa avvolgibile sul boma permette da un lato un piano velico generoso, e dall’altro semplifica l’ammainata; idem per il fiocco rollabile e autovirante, mentre i winch elettrici rendono il BD56 un “giocattolino”. Queste soluzioni, insieme ai motori che si sollevano, permetteranno alla barca buone prestazioni anche con la brezza più leggera. Infine, i due motori gemelli fuoribordo, associati a un  sistema  di  comando  integrato  con  joystick,  la  rendono  manovrabile  anche  per  i  neofiti. Disegnato  e  costruito  nel  rispetto  delle  normative  CE,  il  BD56  è  stato  approvato  da  HPi,  uno  dei principali enti certificatori britannici per imbarcazioni.

56BD_INTERIOR_SALON_CAM 2IL DESIGN ED IL LAYOUT
Lo scenografico salone, posizionato sullo stesso livello del pozzetto, è il cuore della barca e grazie alla movimentazione elettrica di cielini, porte e pareti di cristallo, permette di godersi il mare in  qualsiasi  condizione, ammirando  il  panorama  a 360°.  Il  layout, improntato alla  luce, al comfort  e al contatto con l’esterno, prevede tre cabine doppie – ognuna con bagno privato (due di questi con doccia separata). La master a prua è luminosa grazie alle ampie finestre che si allungano sino al galleggiamento. Sarà comunque sempre il cliente finale  a scegliere la disposizione, le finiture e i materiali (anche  la  motorizzazione) preferiti per avere un oggetto che lo rappresenti al 100%.

SCHEDA TECNICA
Lunghezza fuori tutto 16.66 m
Lunghezza al galleggiamento 14.93 m
Baglio massimo 4,5 m
Pescaggio 2 / 3,5 metri
Dislocamento MOC: 12.452 kg (full)
Dislocamento MDLC: 14.506 kg (full)
Motori: 2 x 300 Hp (suggeriti)
Riserva acqua dolce: 390 l + water maker o serbatoio da 850 l
Riserva carburante: 980 l
Certifcazione CE: B
Altezza albero dal galleggiamento: 23.02 m
Randa: 73 mq
Fiocco: 62.2 mq
I: 20.40 m
J: 6.30 m
P: 18.90 m
E: 6.97 m
Design: BYD Group
Design interni: BYD Group


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Barca a vela o a motore? Entrambe! Ecco BD56!”

  1. Nel 1979 c’è stato il V5 Exocetus Volans della IAG Nautica di Venezia.
    Da Yachting Italiano Sett-Ott 1979: «prova a motore (7 giornalisti+cronometrista+ skipper) nodi 31,8» «prova a vela (4 persone, vento 12/14 nodi velocità nodi 5,5».
    Il progetto era di Harrauer, Sonny Levi ed attrezzatura di Alex Carozzo.
    Matteo Marega take it easy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Rendering del nuovo CNB 78

CNB 78, il super 23 metri di Briand costruito in Italia

CNB presenta al salone di Düsseldorf il mock-up del nuovo 78 piedi, che sostituirà il CNB 76. La nuova barca, al momento ancora in progetto, verrà costruita ad Aquileia (Udine), il cantiere CNB infatti ora è parte del gruppo Solaris.

Torna su