Navighi meglio e più veloce

I prodotti da non perdere

esaWATCH_black_schermate1-300x252-228x228Esa Watch, il primo smart watch per la nautica
Ogni persona a bordo che indossi EsaWATCH potrà visualizzare al suo polso in tempo reale i dati dell’imbarcazione e valutare le regolazioni delle vele in relazioni ai target e alle polari prefissate, è possibile eseguire autonomamente la procedura per visualizzare velocità e rotta con indicazioni delle variazioni per il miglior bordeggio. EsaWATCH si collega via Wi-Fi alla vostra strumentazione di bordo. E’ impermeabile, con un display altamente leggibile da 1,54” e un elegante e robusto chassis in lega ACQUISTA QUI!

68.231.20-228x228

Lewmar Titan 200mm Rossa
Progettata per conciliare leggerezza e resistenza ai rigori degli ambienti salini anno dopo anno, è realizzata con materiali della migliore qualità. Scopri la serie Primary, manovella galleggiante per navigatori da diporto disponibile in due diverse lunghezze: mm 200 e mm 250 ACQUISTA QUI!

07.595.xx-228x228Profilo copri sartie e tenditore
Formati da due metà con incastro a coda di rondine + cappuccio terminale in nylon nero. Questo sistema evita di dover smontare la sartia per mettere in opera il profilo. I cappucci vanno fissati con l’apposita spina che serve anche da contenimento della sartia ACQUISTA QUI!

anemometro per smartphoneIl WeatherFlow Wind Meter
Anemometro per smartphone che si connette alla presa audio e tramite l’App gratuita diventa subito operativo. Il Wind Meter è stato attentamente disegnato per essere il migliore degli anemometri portatili, rileva con un errore massimo di 0,1 m/s fino al fuori asse di 15 gradi  ACQUISTA QUI!

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su