BEST OF 2015 – " Non chiamateli piccoli"

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

best of-11
Lo chiamano “fenomeno microcruising” e racchiude in sé quella strana voglia di affrontare l’oceano con barche, spesso autocostruite, che al massimo raggiungono i 18 piedi, ma che molto più spesso non superano i 10. Per intenderci, Alessandro Di Benedetto, che ha circumnavigato in solitario il globo nostop su un Mini 6.50, è già a una quota limite… anche se il suo record appare destinato a rimanere negli annali molto a lungo. Con l’aggiunta, vale la pensa di ricordarlo, di una riparazione dell’albero spezzato effettuata da solo nel bel mezzo dell’oceano. Scafi, dunque, a bordo dei quali a malapena ci si può sdraiare.

hela-båten2Ma barche assolutamente sicure, sono come palline da ping-pong nel mare, non si rompono mai”, afferma Sven Yrvind, che dei “microsolitari” è il veterano, non solo per i suoi settantacinque anni di età, ma anche perché fu il primo, nel lontano 1980, a passare Capo Horn su Bris II, un 5,90 metri da lui costruito.

Una sfida che gli valse una medaglia del Royal Cruising Club; un riconoscimento che nella storia della vela ha ricevuto gente come Robin Knox-Johnston. E che ora si sta preparando a circumnavigare il globo su una barca lunga tre metri e larga 1,90, che sarà una vera cellula di sopravvivenza.

 

NOMI CHE NON SI DIMENTICANO
ShaneActonInglesi e americani sono i più presenti tra i microcruiser. Come Shane Acton , che tra il 1972 e il 1980 circumnaviga il globo insieme alla propria fidanzata a bordo di Shrimpy, un 5,50 metri, passando per il canale di Panama. Ma il primo uomo al mondo ad attraversare l’Atlantico su un 10 piedi è Tom McClean (correva l’anno 1982). Non contento, decise di tagliarlo per portarlo a soli 7,11 piedi: riuscì così a compiere una seconda transatlantica. Ma quello che più ha colpito la fanasia generale è stato Tom McNally. Americano, soprannominato dai suoi compatrioti “Crazy Sailor”, con il suo sei piedi Big C, nel 1983 attraversa una prima volta l’Atlantico da Ovest a Est. A renderlo un mito negli States, e non solo, non è però questa impresa riuscita, ma il suo secondo tentativo fallito a bordo di uno scafo di solo 3,1 piedi.
Tratto dal GdV di ottobre 2015

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

L’imbianchino che rubò la Coppa America agli americani

Chissà se gli americani avrebbero mai immaginato che a interrompere il loro dominio sulla Coppa America, con un record durato 132 anni e 24 edizioni, sarebbe stato un nativo Inglese, emigrato in Australia dove aveva cominciato la sua carriera professionale

vacanza in barca

Noleggiare la barca con le garanzie delle agenzie di viaggio

Nel nostro articolo “Noleggiare la barca online, ecco 6 imprevisti” abbiamo sottolineato i rischi di una prenotazione online fai-da-te di una vacanza in barca senza garanzie. Un nostro lettore, Gianni Costetti, di Navalia SRL,  specialista del settore dal 1996 ci

Torna su

Registrati



Accedi