BEST OF 2015 – " Non chiamateli piccoli"

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

best of-11
Lo chiamano “fenomeno microcruising” e racchiude in sé quella strana voglia di affrontare l’oceano con barche, spesso autocostruite, che al massimo raggiungono i 18 piedi, ma che molto più spesso non superano i 10. Per intenderci, Alessandro Di Benedetto, che ha circumnavigato in solitario il globo nostop su un Mini 6.50, è già a una quota limite… anche se il suo record appare destinato a rimanere negli annali molto a lungo. Con l’aggiunta, vale la pensa di ricordarlo, di una riparazione dell’albero spezzato effettuata da solo nel bel mezzo dell’oceano. Scafi, dunque, a bordo dei quali a malapena ci si può sdraiare.

hela-båten2Ma barche assolutamente sicure, sono come palline da ping-pong nel mare, non si rompono mai”, afferma Sven Yrvind, che dei “microsolitari” è il veterano, non solo per i suoi settantacinque anni di età, ma anche perché fu il primo, nel lontano 1980, a passare Capo Horn su Bris II, un 5,90 metri da lui costruito.

Una sfida che gli valse una medaglia del Royal Cruising Club; un riconoscimento che nella storia della vela ha ricevuto gente come Robin Knox-Johnston. E che ora si sta preparando a circumnavigare il globo su una barca lunga tre metri e larga 1,90, che sarà una vera cellula di sopravvivenza.

 

NOMI CHE NON SI DIMENTICANO
ShaneActonInglesi e americani sono i più presenti tra i microcruiser. Come Shane Acton , che tra il 1972 e il 1980 circumnaviga il globo insieme alla propria fidanzata a bordo di Shrimpy, un 5,50 metri, passando per il canale di Panama. Ma il primo uomo al mondo ad attraversare l’Atlantico su un 10 piedi è Tom McClean (correva l’anno 1982). Non contento, decise di tagliarlo per portarlo a soli 7,11 piedi: riuscì così a compiere una seconda transatlantica. Ma quello che più ha colpito la fanasia generale è stato Tom McNally. Americano, soprannominato dai suoi compatrioti “Crazy Sailor”, con il suo sei piedi Big C, nel 1983 attraversa una prima volta l’Atlantico da Ovest a Est. A renderlo un mito negli States, e non solo, non è però questa impresa riuscita, ma il suo secondo tentativo fallito a bordo di uno scafo di solo 3,1 piedi.
Tratto dal GdV di ottobre 2015

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Piccoli ma comodi: i Maxus arrivano in Italia con Barcando

Un’interessante novità sta per arrivare sul mercato italiano, dedicata ai diportisti amanti delle piccole barche a vela e a chi le cerca con queste caratteristiche anche per il charter. In un modo della cantieristica dominato dalle barche sopra i 12

Registrati



Accedi