I consigli di Franco Pivoli per una crociera facile (e felice) / 2

pivoliA grande richiesta tornano i consigli pratici di Franco Pivoli (tra i fondatori del Centro Velico Caprera, è stato olimpionico a Montreal 1976 nei Tornado): alcuni lavoretti da fare in barca per renderla facile e comoda in crociera. Quale momento migliore di questo, con la stagione alle porte e vento e sole che cominciano a richiamarci in acqua? Ci avete chiesto di approfondire la realizzazione pratica di alcune dritte che vi avevano colpito nel numero di qualche mese fa, ed eccovi accontentati! I consigli di Franco Pivoli, che ricordiamo, naviga in lungo e in largo per il Mediterraneo per almeno quattro mesi all’anno a bordo di un Grand Soleil 45 del 1992, sono “lavoretti da smanaccioni”: dove spendendo poco si ottengono risultati ingegnosi. Risultati che facilitano la vita a bordo in equipaggio ridotto e che razionalizzano le manovre e i consumi. In questa prima puntata, parliamo di randa e fiocco…

Sostituite la parte inferiore dei cordini dei lazy jack con delle fettucce
Sostituite la parte inferiore dei cordini dei lazy jack con delle fettucce

RANDA E FIOCCO SENZA COMPLICAZIONI
1. Un sistema furbo per i lazy jack. Sostituire la parte inferiore dei cordini dei lazy jack con delle fettucce vi procurerà significativi vantaggi: quando la randa è ammainata appoggia su una superficie maggiore e non si taglia; inoltre, quando si mettono i terzaroli, e in particolare se si naviga con la seconda mano, tutto il tessuto in eccesso rimane contenuto mettendo in forza i lazy, ma non si rompe la vela.

Immagine 12
I ganci montati sui lazy jack sono quelli in plastica degli elastici: vengono infilati nei cordini dei lazy e cuciti

2. Montando sui lazy dei semplici ganci di plastica, solo da una parte, quando la randa è ammainata la si può chiudere sull’altra fila di lazy, eliminando così i gerli: in un attimo la vela è fissata. L’unico gerlo che si utilizza è quello verso l’albero per allontanare la drizza ed evitare così che sbatta. I ganci di cui abbiamo parlato sopra, sono quelli degli elastici, infilati nei cordini dei lazy e fissati con un filo per cucire cerato: un lavoro da fare con la randa ammainata per trovare la giusta posizione.

Immagine 153. Aggiungendo sul passaggio delle borose della randa due bozzelli Air della Harken, molto leggeri e fissati con un loop in Spectra, la presa di terzaroli diventa molto più semplice e lo sforzo si riduce a un terzo. E se avete il desiderio di diminuire il peso della randa? “Per la randa ho fatto la scelta di utilizzare il tessuto di dyneema della Contender, 8,5 once per la balumina e 7,5 per l’inferitura tagliata in radiale per diminuire il peso della vela, spero sia una scelta oculata! Nella geometria della randa ho spostato i terzaroli in modo da avere una diminuzione del 10% della superficie per la prima mano e del 27% per la seconda. La filosofia è che quando metto la seconda mano voglio avere poca tela a riva, visto che navigo spesso in Grecia con il Meltemi”.

4. Un consiglio anche per la drizza del fiocco: “Dato che ho il rollafiocco, tra posizione di riposo e di lavoro la drizza si muove di 20 cm, per eliminare tutta la coda del pozzetto ho tagliato la drizza. Ho fatto un anello alla fine della parte che lavora, e uno nella parte che non lavora (entrambi in spectra scalzato da 6 mm) in modo da poterle staccare e attaccare, così non ho cima in pozzetto a infastidirmi. Per fare questi anelli ho utilizzato dello spectra scalzato (ultra Gottifredi & Maffioli) da 6 mm, facile e semplice.

PRIMA PUNTATA, GENNAKER SENZA PROBLEMI


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Torna su