developed and seo specialist Franco Danese

VIDEO L'evoluzione senza fine di Wild Oats XI

#40annidivela – Il terribile stretto di Bass – FOTO
22 dicembre 2015
Lagoon, doppio colpo a Dusseldorf (ma non solo…)
22 dicembre 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

wild oatsCome fa una barca vecchia di dieci anni (e dieci anni, nel mondo dei racer ipertecnologici, sono davvero tanti) a rimanere sempre ai vertici di una classica oceanica come la Sydney Hobart (608 miglia da Sydney a Hobart, in Tasmania)? Con il suo scafo particolarmente stretto, Wild Oats XI del magnate del vino australiano Bob Oatley ha vinto otto delle ultime dieci edizioni della mitica regata australiana.

E quest’anno (si parte il 26 dicembre, ci sarà anche Giovanni Soldini con la sua Maserati, sarà probabilmente la sua ultima regata sul VOR70) vuole provare a portarsi a casa anche la nona. Ma le altre barche si evolvono, e allora bisogna seguire il “trend” e aggiornarsi se si vuole rimanere competitivi. McConaghy Boats, i costruttori originali di questo cento piedi nato dalla matita di Reichel & Pugh, hanno realizzato l’ultima radicale modifica, decidendo di segare letteralmente lo scafo di dieci metri a prua e due a poppa, sostituendo le parti tagliate con altre dalle sezioni più moderne e performanti.

L’EVOLUZIONE DI WILD OATS

1 Comment

  1. Lucio ha detto:

    Conosco diversi costruttori, ma non ho mai visto lavorare a questo livello. Un’operazione anti Comanche, estremamente complessa portata a termine in pochi mesi. Gente così meritava di rivincere la Sydney-Hobart.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi