Svelato il nuovo Oceanis Yacht 62: e il suo cuore è italiano!

oceanis_62

Qui a Parigi tira aria di novità. La più grande (anche se le voci si rincorrevano da un po’), riguarda l’annuncio di Beneteau del lancio del nuovo Oceanis Yacht 62.

Perché è una grande sorpresa? Perché preannuncia la nascita di una nuova gamma, che vuole porre il colosso francese in diretta concorrenza con un mercato più lussuoso. Per riuscirici, Beneteau ha scelto lo studio Berret Racoupeau e un designer italiano, Pierangelo Andreani, che si occuperà dello stile.

Caratterizzato da grandi finestrature, avrà carena a spigolo e la doppia pala del timone. Lungo 1907 metri, avrà un baglio massimo di 5,33 e due possibili pescaggi, di 2,30 o 2,90 metri.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su