developed and seo specialist Franco Danese

Avventure, regate, tecnica. E' VELA di dicembre/gennaio

Quel gran genio di Giulio Cesare Carcano
3 dicembre 2015
RIVOLUZIONE TOUCH Kara, con un tocco tracci rotte, guardi film e ricevi mail
3 dicembre 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Copa news vela dic-gen_okPerché salire a bordo con noi del numero di dicembre/gennaio del Giornale della Vela? Per tanti buoni motivi. Continuate a leggere, ve ne sveliamo già dieci in anteprima, a cominciare dai tre grandi “servizioni” del mese: il primo sul caso del clamoroso flop dei nuovi IMOCA 60 volanti in occasione della Transat Jacques Vabre, il secondo sul pianeta vele (quanto costano, come farsele fare e come usarle al top) e il terzo sui luoghi in cui navigare per sentirsi sulla scia dei grandi personaggi (scrittori, cantanti, scienziati). E molto, molto altro…

11. PAURA E DELIRIO IN ATLANTICO
Vi sveliamo perché, in questa infernale Transat Jacques Vabre zeppa di ritiri, i nuovi IMOCA 60 volanti non hanno funzionato. Quattro su cinque si sono riritati (Hugo Boss ha persino rischiato l’affondamento): pensare che i loro progettisti, Guillaume Verdier e Van Peteghem/Prevost avevano avvisato i team di “andarci piano” ma i loro consigli sono passati inascoltati. E vi raccontiamo la storia dell’eroe azzurro del momento: Giancarlo Pedote, vincitore tra i Multi 50 che sogna il Vendée Globe.

42. VELE, QUANTO MI COSTATE?
Un diamante è per sempre. Le vele della vostra barca no. Purtroppo. E così bisogna saper valutare quando è il momento giusto per cambiarle. La scelta delle vele nuove è un momento importante per cambiare l’anima della vostra barca. Vediamo in questo servizione quanto costano, quanto durano e in che condizioni vanno utilizzate affinché diano il massimo.

23. VOGLIO NAVIGARE SULLE ORME DEI GRANDI
Spesso il mito di un luogo è creato dal calibro della persona che lo racconta e che lo ha vissuto. Salpate con noi verso le mete frequentate dai grandi uomini. Scrittori, musicisti, capitani di industria, geniali scienziati (avrete delle sorprese: alcuni erano dei marinai veramente “insospettabili”. Un nome su tutti? John Lennon): tutti avevano un luogo del cuore dove navigare. Che vi aspetta.

34. COME SI LEGGONO LE POLARI?
Chi l’ha detto che solo i regatanti possono ottimizzare le prestazioni della barca? Un esperto, Matteo Polli spiega come leggere quegli strani “geroglifici” chiamati polari. L’esperto in questione è Matteo Polli, progettista che sta dietro al successo dell’Italia 9.98 Campione del Mondo e che ha curato l’ottimizzazione di tante barche vincenti di altura.

55. LE ULTIMISSIME 20 NOVITA’ DEL 2016
I saloni di Parigi e di Dusseldorf sono l’occasione per vedere i molti nuovi modelli sfornati dai cantieri. Non c’è una vera fascia di mercato predominante, ma in ogni categoria i progettisti hanno potuto innovare. E torna anche la voglia di derive.

66. LE BARCHE DEL MESE
Questo mese vi parliamo di tre barche molto diverse tra loro per spirito e e concezione: dal Pilot Saloon 48, lo scafo che vi porta il mare… dentro al nuovo ICE 62 EVO, l’essenza del Made In Italy. Passando per un altro fiore all’occhiello della cantieristica italiana: l’Advanced A44. Una barca elegante, divertente, veloce ma diversa dalle altre…

77. CHIGLIA FISSA, MOBILE O DOPPIA?
Lo abbiamo chiesto a un vero e proprio “guru”, Marc Lombard. Il grande progettista svela i segreti delle varie configurazioni di chiglia. Perché il pescaggio è uno dei grandi interrogativi nella scelta di una barca da crociera: privilegiare le prestazioni o l’accesso ai bassi fondali, questo è il problema…

88. BARCA A VELA O ROBOT?
Harken e Jeanneau si inventano AST (Assisted Sail Trim), un sistema di auto-controllo dei winch che regola le vele, a seconda delle variazioni di prua, direzione del vento e angolo di sbandamento. E l’argomento fa discutere: c’è chi saluta questa novità come una vera e propria ulteriore rivoluzione nel mondo dell’easy sailing, e c’è chi invece storce il naso. Voi da che parte state?

99. FORTISSIMO IN OCEANO, CAMPIONE DI UMILTA’
Michele Zambelli ha chiuso al secondo posto l’ultima tappa della Mini Transat, 2.770 miglia da Lanzarote a Guadalupa. Come ci è riuscito? Mettendo da parte il suo orgoglio e “pigiando sul gas”. Il racconto della sfida più dura affrontata dal velista romagnolo, che adesso ha deciso di abbandonare la classe Mini per dedicarsi a progetti di più ampio respiro.

1010. VELE IN FUGA
Sette anni in barca con la famiglia come ciurma. Questa è la bella storia di mare che ci racconta Fabio Pozzo: Elena Sacco, pubblicitaria di successo che ha lasciato tutto per un viaggio verso isole da sogno a bordo di un Hallberg Rassy 38. Una ricerca della felicità con l’avventura del ritorno.

Ricordate, ci sono anche tanti altri buoni motivi per non perdere il nuovo numero di dicembre/gennaio del Giornale della Vela. In edicola, su iPad, iPhone e su tutti i tablet e gli smartphone Android.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi