VIDEO Salvataggio alla "Mission Impossible" alle Azzorre

kolibriAl largo delle Azzorre Kolibri, un vecchio Swan 44 degli anni ’70, è in balia del forte vento e delle onde. Una tempesta pazzesca a maggio scorso. La stessa che ha ucciso di ipotermia il figlio di una coppia francese naufragata in catamarano. Arrivano dal cielo i soccorritori della Guardia costiera portoghese: assisterete a un salvataggio davvero spettacolare! Altro che quelli di una nota marca di digestivo!

GUARDA CHE BRAVI I SOCCORRITORI
DELLA GUARDIA COSTIERA PORTOGHESE

ob_73674f_kolibri-swan-fantome (1)FANTASMA DEI MARI
Curiosità: la barca, alla deriva e senza albero, è stata avvistata da una petroliera qualche giorno fa 635 miglia a sud-sud-est delle Bermuda
. E’ appartenuta all’armatore norvegese Guttorm Guttormsen, il signore salvato nel video. Va ad arricchire la flotta di quelle imbarcazioni fantasma che vagano, senza padrone, in giro per i mari e che, secondo la legge del mare, appartengono a chi le trova…


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

6 commenti su “VIDEO Salvataggio alla "Mission Impossible" alle Azzorre”

  1. sembra che la barca stia ancora governando, forse a motore o spinta dal vento anche se senza tela e con una cima di toneggio o ancora galleggiante; sarebbe da capire per quale avaria hanno abbandonato, visto che le onde non sembravano impossibili e sei mesi dopo la barca era alla deriva ma ancora a galla.

  2. Difficile dire il perché dell’abbandono ma posso pensare a panico, paura di non farcela con la responsabilità delle persone ospiti a bordo. Se una di loro fosse caduta in mare e/o fosse morta ora diremmo il giusto opposto e cioè perché non ha chiesto soccorso.
    Per me ha fatto bene…. Prevenire è meglio che sopprimere.
    Dante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

VIDEO Un rientro in porto da leoni

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Un

velisti-salvati

VIDEO Tre velisti salvati nella tempesta appena prima del naufragio

Per fortuna che c’è la RNLI, dicono gli inglesi e gli irlandesi. Acronimo di Royal National Lifeboat Institution, è un ente fatto da volontari con un unico scopo. Salvare vite in mare. I suoi volontari forniscono un servizio di ricerca e

uomo a mare

VIDEO Uomo a mare recuperato in 28 secondi netti. Applausi!

Questo video, apparso sulla pagina Facebook di Drone Project, mostra una manovra di recupero dell’uomo a mare eseguita alla perfezione. Fidatevi, non era facile. Considerando anche la flotta di barche in velocità e a distanza ravvicinata. Siamo alla prima tappa

Torna su