Autunno, tempo di rimessaggio fai da te. Quarta parte

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Schermata-2014-11-03-a-15.43.571
Continua il nostro viaggio dedicato ai controlli e lavori da fare sulla vostra imbarcazione nel rimessaggio invernale: vi consigliamo alcuni trucchi per “mettere in letargo” al meglio il vostro scafo in attesa della prossima primavera.

IMG_1457cIMPIANTO ELETTRICO
Pulite le luci di via e le luci esterne con acqua dolce, fatele asciugare e applicate uno spray protettivo sui contatti. Adoperate questo prodotto anche sulle parti metalliche del quadro elettrico principale e sui vari pannelli di comando dei motori e degli strumenti. Una volta staccate le batterie, controllate i fusibili e che i cablaggi siano tutti ben fissati. In navigazione, le vibrazioni e l’impatto della carena sull’onda con mare formato, potrebbero aver fatto uscire il conduttore dai morsetti.

DSC03819aIMPIANTO ACQUA DOLCE
Svuotare i serbatoi, i tubi, le pompe, l’autoclave e il boiler sarebbe la cosa migliore, ma praticamente impossibile. Conviene quindi aggiungere dell’amuchina nel serbatoio e far funzionare tutte le utenze idriche in modo da disinfettare l’impianto. Se la barca resta in un porto, dove la temperatura può andare sotto lo zero, bisogna aggiungere un liquido anticongelante, che andrà rimosso con abbondanti lavaggi dell’impianto appena tornate a bordo nella prossima stagione.

maxresdefaultWC MARINI
Se funzionano con acqua di mare, bisogna sciacquare la pompa. Chiudete la presa a mare, rimuovete il tubo e immergetelo in un secchio pieno di acqua dolce e detersivo biodegradabile. Pulito il wc, riempite il secchio con un litro di olio di vaselina e azionate la pompa fino al suo completo assorbimento.

FB_IMG_13676572702242728WINCH
Sciacquateli con cura, specialmente tra la campana e la base. Rimuovete le viti di fissaggio della campana e aprite il winch. Smontate la parte centrale con i cuscinetti a rulli per accedere agli ingranaggi. Rimuovete il vecchio lubrificante e ungete i cuscinetti, l’asse dell’albero primario e degli ingranaggi con del grasso al silicone o al teflon. Richiudete la campana e spruzzate del lubrificante sulle viti. Prendete la maniglia e fate girare il winch per far arrivare il grasso a tutti i meccanismi interni. Passate un panno unto di vaselina sulla campana e copriteli. Evitate i teli di plastica. In questo modo l’umidità intrappolata all’interno della campana non può evaporare.

20140115-1dsc_7261BATTERIE
Non possono essere abbandonate per tutto l’inverno, sono l’elemento della barca che più risente della solitudine. Vanno parzialmente scaricate e ricaricate almeno una volta al mese. Se la barca è distante dalla vostra residenza, trovate qualcuno che vi accenda il motore per un’ora alla settimana, oppure portatele da un elettrauto che le metta sotto carica a intervalli regolari. Se restano a bordo per tutto l’inverno, controllate che i morsetti siano ben ingrassati con vaselina e che l’acido sia al giusto livello.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Adesso hai l’incentivo se compri un motore elettrico

  Arrivano gli incentivi per l’acquisto di un motore elettrico marino. Dopo anni di vane attese, lungaggini burocratiche e la sensazione di essere praticamente “invisibili” agli occhi del Governo in quella tanto sbandierata corsa alla “transizione ecologica”, finalmente anche per

Registrati



Accedi