developed and seo specialist Franco Danese

COSA FARE SE… Ti incagli?

Performance, lusso, marinità. Ecco il nuovo Reichel Pugh 90
12 novembre 2015
VIDEO Salvato al largo di Cape Lizard dagli "angeli" della RNLI
13 novembre 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

jenavive1Quarant’anni di Giornale della Vela sono anche quarant’anni della nostra sezione di pratica. Abbiamo selezionato cinque quiz con i migliori consigli pratici che ci sono arrivati dai voi lettori negli anni. In questa terza puntata vediamo cosa fare se vi ritrovate incagliati.

COME LIBERARSI DALL’INCAGLIO?

20120929-4098-Sunset-5-heeling-and-buoy-152756-1024x803DOMANDA: “Stai navigando a vela a circa 4/5 nodi lungo costa con un 11/12 metri da crociera, in condizioni di mare calmo e vento leggero. A bordo si trovano quattro membri di equipaggio e hai a disposizione un tender con motore fuoribordo. Improvvisamente però la barca si insabbia in prossimità della foce di un fiume e non riesci a liberarti usando il motore. Quale manovra decidi di effettuare per arrivare a disincagliarti?”

RISPOSTA: L’insabbiamento è senz’altro meno traumatico dell’incaglio su roccia ed è anche più semplice liberare la barca. Accertato che i membri del mio equipaggio non hanno riportato conseguenze, ordino di ammainare le vele. Mi reco sottocoperta per controllare in sentina se all’altezza del bulbo si sono create delle vie d’acqua e chiudo tutte le prese a mare. A questo punto devo sbandare lo scafo prima di accendere il motore, perchè se provassi a dare retromarcia a barca insabbiata rischierei con l’effetto evolutivo dell’elica un insabbiamento maggiore. Svento completamente il boma fuoribordo e faccio salire sul tender 3 persone. Armo una drizza che passi per il maniglione tesa bugna sulla varea del boma e la imbrago al tender. Faccio allontanare quest’ultimo dalla barca per ottenere un angolo di tiro migliore. A questo punto cazzando la drizza ottengo lo sbandamento dello scafo e con il motore a retromarcia al minimo dei giri mi libero dall’insabbiamento. Se non dovessi riuscire a sbandare in maniera accettabile la barca a causa delle dimensioni della stessa, farei portare l’ancora di rispetto legata ad una cima galleggiante a poppavia e la farei calare a 30/40 mt dalla barca. A questo punto con l’azione congiunta del parziale sbandamento, mi tonneggio con un winch all’ancora, e con l’azione del motore in retro mi libero dall’insabbiamento.

PRIMA PUNTATA – COSA FARE SE HAI UNA FALLA A BORDO

SECONDA PUNTATA – COSA FARE SE DEVI ANCORARE A VELA

1 Comment

  1. Svnarese ha detto:

    “e chiudo tutte le prese a mare” …sic! A mio avviso (ed e’ la regola alla quale mi attengo) le prese a mare devono sempre essere sempre chiuse! Vanno aperte per il tempo necessario al loro utilizzo (in bagno o nella cucina) e poi richiuse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi