Autunno, tempo di rimessaggio fai da te / Seconda parte

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

rimessaggioEcco un vademecum in punti per la manutenzione ordinaria che potete eseguire voi stessi: vi sveliamo altri cinque consigli e i trucchi del rimessaggio per preparare nel migliore dei modi la vostra barca in vista del lungo riposo invernale. (QUI trovate i precedenti 5 consigli)

Schermata 2014-11-05 a 16.32.50PONTE, TEAK E LEGNI 
Per la coperta in vetroresina sciacquate abbondantemente con acqua dolce, rimuovendo i residui più abbondanti di sale e sabbia per evitare graffi indesiderati. Munitevi di secchio, detergente specifico e spazzola di media durezza e iniziate a passare tutte le superfici, insistendo maggiormente nelle zone con l’antisdrucciolo, nei cui piccoli solchi lo sporco è più difficile da togliere. Strofinate energicamente, aumentate la dose di sapone ma evitate di usare solventi. Per il teak bisogna usare un prodotto specifico e uno spazzolone dalle setole più morbide e più fitte. Strofinate sempre nella direzione delle venature del legno. In alternativa ai detergenti si può optare per dei trattamenti chimici, che puliscono in profondità anche le macchie di unto, come quelle di gasolio.

Schermata 2014-11-05 a 16.32.59OBLO’, PORTELLI E PASSAUOMO
Chiudeteli bene e sciacquateli con acqua (la pistola alimentata dalla pressione del rubinetto va bene, ma non l’idropulitrice!). L’operazione è obbligatoria: se iniziate la pulizia con un panno umido, potreste rigare il lexan o il plexiglass con i cristalli di sale o i granelli di sabbia. Usate detergenti liquidi (non quelli in polvere o tipo Cif che graffiano) e insistete lungo la cornice, dove c’è la battuta della guarnizione. Controllate che la gomma non sia schiacciata, perché potrebbe causare delle infiltrazioni. Se necessario sostituitela, altrimenti applicate della vaselina perché ne aumenta la durata. Ingrassate i perni delle cerniere.

Schermata 2014-11-05 a 16.32.28TENDER
Lavatelo con una spugnetta e detersivo: all’interno vi saranno sicuramente dei residui di benzina e olio del fuoribordo, e all’esterno si saranno formate delle alghe sulla carena che andranno tolte con una spugna più ruvida. Dopo averlo fatto asciugare al sole, sgonfiatelo leggermente e riponetelo possibilmente al coperto. Evitate di lasciarlo appeso alle gruette o alla passerella, piuttosto mettetelo sulla coperta capovolto e fissatelo saldamente con delle cinghie. Per il fuoribordo, svuotate il serbatoio, pulitelo ed eseguite le operazioni di manutenzione consigliate dal costruttore.

Schermata 2014-11-05 a 16.32.44PARABORDI E CIME
La pulizia può essere effettuata con detersivi abrasivi, che sono gli unici a rimuovere lo sporco più ostinato. Attenzione a impiegare i solventi e i diluenti, che possono opacizzare o sciogliere lo strato superficiale della gomma rendendola appiccicosa. Le cime e le scotte devono essere liberate da nodi e immerse in acqua dolce e detersivo neutro. Risciacquatele abbondantemente prima di riporle in barca.

Schermata 2014-11-05 a 16.32.36GAVONI
Svuotate completamente tutti i gavoni di coperta, in modo da controllare lo stato della vostra attrezzatura e poter accedere al fondo (alcuni arrivano addirittura sino in carena) su cui inesorabilmente si deposita lo sporco. Puliteli accuratamente con i detergenti per il gelcoat e lasciateli aperti in modo che riescano ad asciugarsi completamente. Non lasciate cacciaviti, chiavi inglesi e attrezzi metallici a contatto con la vetroresina, poiché la ruggine la macchierebbe indelebilmente.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Autunno, tempo di rimessaggio fai da te / Seconda parte”

  1. Pingback: Autunno, tempo di rimessaggio fai da te / Terza parte

  2. ciriani paolo maria

    Il teak non va mai strofinato lungo le venature perchè così si consuma la polpa del legno tra una vena e l’altra. Strofinate quindi sempre perpendicolarmente alle venature. Inoltre non usate mai spazzole anche se morbidissime. Usate solo il mocio o una spugna ben imbevuti di acqua e tanto sapone liquido tipo marsiglia o sgrassatori similari. Sciacquate bene con diffusore/spruzzo leggero finchè vedrete un bel colore bordeaux. Quando è ben asciutto, col pennello date una mano di olio impregnante per teak! Così farete durare a lungo il legno fin’anche 20anni! paolo maria ciriani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Torna su