Mini Transat, Zambelli protagonista: forza Michele!

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

zambelli4 novembre – Nel quinto giorno dalla partenza della seconda tappa della Mini Transat (quella più dura, da Lanzarote, alle Canarie, a Pointe-à-Pitre, in Guadalupa, per un totale di circa 2.770 miglia in linea d’aria), il grosso della flotta, tra Proto e Serie, si trova al largo dell’Arcipelago di Capo Verde, in pieno Atlantico. Qualche ritiro, in virtù dei 25/30 nodi con onde alte due metri dei primi giorni. Il dilemma, per tutti, è che a sud c’è più vento: meglio allungare la rotta e andare a prenderselo o andare dritti ad ovest?

Facebbok_vapillon2ZAMBELLI QUARTO, A UN SOFFIO DAL PRIMO
La buona notizia ci giunge dalla categoria dei Proto, dove il nostro Michele Zambelli, a bordo di Illumia, naviga in quarta posizione. E’ stato anche terzo, ma le posizioni lì davanti possono cambiare da un momento all’altro. Attualmente lo separano dal leader, Frédéric Denis su Nautipark, soltanto 29 miglia. Il secondo e il terzo sono lì, in un miglio. Il romagnolo questa mattina stava navigando a quasi 12 nodi con prua per 268°. Con il ritiro del vincitore della prima tappa, Davy Beaudart, l’uomo di Flexirub, la barca dalla prua tonda, i giochi si sono riaperti. Come aveva già annunciato Michele, prima della partenza, la scelta più logica era di”buttarsi” verso la costa Africana e scendere il più possibile per prendere quei venti stabili e non influenzati della depressione del Nord Atlantico che tanto ha fatto patire i ragazzi della Transat Jacques Vabre. Alberto Bona su Onlinesim.it è invece più indietro, in undicesima posizione, con 120 miglia di ritardo, ma sta risalendo la china.

TRA I SERIE IL MIGLIORE E’ FORNARO
Tra i Serie, nuovamente guidati da Ian Lipinski su Entreprise(s) Innovante(s), vincitore della prima frazione, gli italiani sono un po’ attardati: Andrea Fornaro su Sideral è in sedicesima posizione, Roland Ventura su Fondation Planiol è allo scalino 21, Federico Cuciuc su Zero & T si trova al trentunesimo posto.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi