Riparte la Mini Transat, le chances dei nostri marinai

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

IMG_5684
Oggi, alle 12 ora italiana, parte la seconda tappa della Mini Transat
. Quella più dura, 2.770 miglia da Lanzarote (dove i 72 Mini sono da circa un mese dopo la prima frazione Douarnenez-Canarie) a Pointe-à-Pitre, in Guadalupa. Qui si vedranno i veri marinai. Gli italiani in gara sono rimasti in cinque, dopo l’abbandono di Andrea Pendibene (nella foto sopra, all’estrema sinistra) su Pegaso Marina Militare a causa del disalberamento al largo di La Coruna.

zambelli-bonaZAMBELLI E BONA, TEMPO DI RISCATTO
Tra i Proto, Michele Zambelli su Illumia e Alberto Bona su Onlinesim.it sono pronti. Entrambi sono reduci da una prima tappa al di sotto delle aspettative: Zambelli ha chiuso 12°, Bona 14°, dopo peraltro essere stati al comando della classifica nei primi giorni e aver visto sfumare il loro vantaggio a causa di scelte tattiche errate. Rispetto al leader della classifica Davy Beaudart e al suo Flexirub, la barca dalla prua tonda evoluzione del mitico Teamwork di David Raison (vincitore della Mini 2011), Michele ha un ritardo di circa 24 ore, Bona di 31. Sarà molto difficile, ma provarci è d’obbligo. Soprattutto perché Zambelli vuole migliorare il suo decimo posto ottenuto nella Transat 2013, e Bona arriva da un quinto posto nei Serie.

andrea fornaroOCCHI PUNTATI SU FORNARO
Nei Serie, gli occhi sono puntati su Andrea Fornaro, a bordo di Sideral. Il velista laziale ha stupito tutti nella scorsa tappa: ottima partenza, disastro tattico, fondo della classifica iniziale e poi una rimonta costante di ben 25 posizioni e 13° posto finale. Ha dimostrato una grande scorza, Andrea. E ora se la può giocare. Il ritardo dal leader della classifica Ian Lipinski è di 19 ore. Poche, su quasi 3.000 miglia. Roland Ventura invece parte dal 23° scalino, piazzamento più che dignitoso per una barca vecchiotta quale la sua (Fondation Planiol), ma sicuramente l’italiano che vive in Francia vorrà qualcosa di più. Come vorrà di più Federico Cuciuc (su Zero & T), che partirà dal 43° posto dopo le tante avarie nella prima frazione. C’è tutto da recuperare! Forza azzurri!


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Torna su