developed and seo specialist Franco Danese

I velisti olimpici non guadagnano nulla? Falso: 220.000 "verdoni" in palio alla World Cup

RASSEGNA ACCESSORI La prudenza a bordo non è mai troppa
27 ottobre 2015
CIAK… (CI) SI GIRA! Le più spettacolari scuffie dei giganti del mare.
28 ottobre 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Press conference. 26.10.2015 2015 ISAF Sailing World Cup Final, Abu Dhabi, United Arab Emirate. Eight Olympic sailing events are being contested along with open kiteboarding from 29th October to November 1st, 2015. Prize money will be awarded to the top three overall finishers in each of the events for a total prize purse of US$220,000. The Abu Dhabi Sailing and Yacht Club is the host of the ISAF Sailing World Cup Final, located on the main island of the city with immediate access to the beautiful waters of the Arabian Gulf. Race areas are placed around Lulu Island off the UAE capitalís stunning Corniche. Credit Jesus Renedo/Sailing Energy/ Isaf

La Coppa del Mondo della vela olimpica si prepara a vivere il suo gran finale ad Abu Dhabi, dove andrà in scena l’ultima tappa dell’ISAF Sailing World Cup 2015. E non è vero che i velisti olimpici non guadagnano nulla. In palio, per i vincitori, un montepremi di 220.000 dollari, diviso tra le classi in regata e riservato ai primi tre di ogni singola disciplina, una delle grandi novità introdotte dall’ISAF.

Cherin-Tesei (foto Fabio Taccola)

Cherin-Tesei (foto Fabio Taccola)

IL PREMIO PUO’ SALVARTI LA CAMPAGNA OLIMPICA
Una novità che può far gola soprattutto agli atleti italiani: la Federvela non ha molti soldi da investire sugli atleti olimpici, che spesso sono costretti ad arrabattarsi con i soldi di famiglia e sponsorizzazioni di amici. Prendere parte a una campagna olimpica con l’acqua perennemente alla gola a livello economico non garantisce la giusta serenità per puntare più in alto possibile: un serpente che si morde la coda. I premi ISAF sono una buona soluzione, se ti dimostri bravo e chiudi nei primi tre, per recuperare l’investimento o addirittura creare il capitale iniziale.

FORZA RAGAZZI!
Per questo dedichiamo un grosso in bocca al lupo agli italiani in regata ad Abu Dhabi: Stefano Cherin-Andrea Tesei (49er), Filippo Baldassari (Finn), Daniele Benedetti, Mattia Camboni (RS:X M), Silvia Zennaro (Laser Radial), Flavia Tartaglini, Veronica Fanciulli, Marta Maggetti (RS:X F). A questi vanno aggiunti Mario Calbucci, Pierluigi Capozzi e Pietro Fazioli, in regata nella Formula Kite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi