Il capo di Luna Rossa arriva in Nuova Zelanda: noi tifiamo per lui

Emirates Team New Zealand MD Grant Dalton. 28/5/2013
Ecco la prima foto di Max Sirena in divisa kiwi, dopo l’annuncio del 6 ottobre scorso che lo ha visto approdare alla corte di Grant Dalton e di Emirates Team New Zealand
. In realtà è un fine lavoro di photoshopping della nostra grafica Micaela Volpe! Invece non fingiamo quando sosteniamo di tifare per Max anche se ha cambiato casacca, e vi spieghiamo perché.

C’E’ POCO DA INVENTARE SUGLI AC48
“Mi ha dato l’ok Patrizio Bertelli (il boss di Prada, ndr)” ha dichiarato Sirena per rassicurare tutti che aveva avuto il via libera dal team italiano Luna Rossa. Poi, ha spiegato che va con i neozelandesi con l’obiettivo di vincere la Coppa e – ma questo lo diciamo noi – di riprendere il suo posto con Luna Rossa che ritornerebbe clamorosamente per l’edizione numero 38. Con nuove regole soprattutto, perché, ha proseguito Sirena, con queste regole applicate ai supercatamarani volanti AC 48 con cui si disputerà l’edizione del 2017, c’è poco da inventare. “Si può intervenire solo” ha spiegato”sulle derive, sulle appendici, sulle ali e sulle regolazioni”.

Racing Day 2 of Louis Vuitton America's Cup World Series BermudaLA MONOTIPIA NON VA D’ACCORDO CON LA COPPA
Ecco il nocciolo che snatura lo spirito della Coppa America. Le barche più o meno saranno tutte uguali, limitate nella progettazione dal regolamento che hanno stravolto in corsa gli americani di Oracle a metà 2015, con la scusa – falsa – di limitare i costi. Pensate un po’, è come se la Moto GP si corresse con moto tutte uguali, dove la libertà di modifiche fosse circoscritta alle gomme e alla messa a punto. Oppure, è come se nella Formula Uno automobilistica la Mercedes e la Ferrari avessero lo stesso telaio e lo stesso motore. Nella vela si chiama “monotipia” e ha una ottima ragion d’essere nella vela delle Olimpiadi e in classi come la barca di successo del momento, il J 70. Ma non nella Coppa America dove lo spirito è quello di spingere all’estremo l’ingegno umano per progettare la barca più veloce rispetto alle altre. Tutto questo ha dato vita nella storia della vela alle principali innovazioni, poi applicate alle barche per il diporto. Piani velici, attrezzature, linee di carena…insomma tutto quello che fa andare meglio spinta dal vento una barca lo dobbiamo in buona parte alla libertà di progettazione che sino ad ora ha avuto al Coppa America. Per questo tifiamo per New Zealand e siamo con Max Sirena. Perché siamo certi che se i neozelandesi vinceranno la Coppa America nel 2017, Luna Rossa e il suo boss Patrizio Bertelli torneranno in gioco.

18/10/15 - Hamilton (BDA) - 35th America's Cup Bermuda 2017 - Louis Vuitton America's Cup World Series Bermuda - Racing Day 2

L’ACT 3 DELLE ACWS
A proposito di Coppa America: agli svedesi di Artemis è andato l’ACT 3 delle America’s Cup World Series alle Bermuda: l’AC45 di Iain Percy e Nathan Outteridge ha battuto Emirates Team NZL e Oracle Team USA. Quarto posto per Land Rover BAR, quinto Softbank Team Japan e ultimo Groupama Team France. Non c’è molto altro da raccontare.

DIFFICILE SEGUIRE LA COPPA, ANCHE VOLENDO
Almeno secondo il nostro Eugenio Ruocco: “Mi sono scaricato la app gratuita AC+ (disponibile sia per dispositivi iOS che Android) ed è stata una vera delusione. La qualità dell’applicazione, a mio avviso, è inadeguata rispetto alla portata dell’evento, seguitissimo dal vivo: c’è chi si lamenta che nella classifica overall, una volta che i team hanno raggiunto i 100 punti, appaiano tutti nuovamente a 1 punto azzerando la graduatoria. Personalmente, prima di aprire l’app, il mio Samsung Galaxy ci mette tantissimo (“retrieving location”, mi dice. Ma non è un problema del mio smartphone, succede anche ad altri). Per seguire le regate live bisogna pagare (e anche piuttosto salato: l’evento delle Bermuda costava fino a 5,99 sterline), altrimenti bisogna aspettare alcune ore per la sintesi video. Non mi stupisce che in Italia l’evento non sia praticamente seguito: figuriamoci poi dopo l’uscita di Luna Rossa. Ma ho letto tantissime pessime recensioni anche da parte degli utenti inglesi…”.

LOUIS VUITTON’S AMERICA’S CUP WORLD SERIES (CLASSIFICA DOPO 3 EVENTI)
1. Emirates Team New Zealand 122
2. ORACLE TEAM USA 112
3. Land Rover BAR 109
4. Artemis Racing 105
5. SoftBank Team Japan 100
6. Groupama Team France 82


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

campionato invernale

Fenomenologia (semiseria) del Campionato Invernale

Finita l’estate, il regatante lo sa. E’ tempo di Campionati Invernali, in giro per le nostre coste: li seguiremo per voi, con vincitori, cronache e storie. Ma per introdurvi l’argomento come si deve, abbiamo chiesto a Marco Cohen, produttore cinematografico

Torna su