Arriva il Solaris 47, perfetto per navigare in equipaggio ridotto

Ape_Solaris47La voce girava tra le banchine del salone di Cannes e di Genova, adesso è realtà. Per il 2016 Solaris arricchisce la sua gamma con un 47 piedi (m. 14,35). Così il cantiere italiano, specializzato in barche “premium” ad alte prestazioni ha adesso una gamma completa di sei modelli che parte da 37 piedi (11,40 m) e si conclude con il 58 (17,40 m).

Questo nuovo 47 piedi è il fratello in tutto e per tutto degli ultimi modelli varati, il 50 e il 58, creando un vero e proprio “family feeling” che contraddistingue tutti i Solaris. Il Solaris 47, di cui abbiamo visto in anteprima i primi rendering, è caratterizzato dalle eleganti linee di carena disegnate dallo studio dell’argentino Xavier Soto Acebal (tutti suoi i progetti in produzione del cantiere) che si è fatto le ossa lavorando per una decina d’anni con il connazionale German Frers.

Prua con un leggero slancio, profilo laterale con bordo libero non troppo alto e uno spigolo non troppo accennato. La poppa di grandi dimensioni che si apre ad un tender garage a poppa con spazio adeguato per lo stivaggio del battello e del fuoribordo. Le linee d’acqua sono studiate per navigare con dolcezza al passaggio sull’onda anche in condizioni di mare avverso, con coefficienti di stabilità alti per poter tenere a riva molta vela anche con vento teso. Grande attenzione osservando il piano di coperta alla facilità di conduzione anche con equipaggio ridottissimo: in pozzetto ci sono solo due winches a portata di timoniere che consentono di gestire tutte le manovre, grazie anche al fiocco autovirante con la rotaia a pruavia dell’albero. In nome della massima sicurezza è stato ricavato un vano zattera dedicato con facile accesso.

Il Solaris 50 e il 47 insieme...
Il Solaris 50 e il 47 insieme…

Sottocoperta il layout degli interni prevede, per ora, 3 cabine e 2 bagni con impostazione classica con con cucina ad L a sinistra e cabina armatoriale a prua. La costruzione è quella che ha fatto il successo del cantiere quanto a robustezza: struttura monolitica in vetroresina con paratie, madieri e longheroni stratificati a scafo e lande in composito laminate sottovuoto.

Immagine 2

LOA

M 14.35

LWL

M 13.40

BEAM

M 4.36

DRAFT

M 2.80 ( 2.50 optional)

DISPLACEMENT

Kg 12.600

BALLAST

Kg 4.320

SAIL AREA

M2 129

GENOA

M2 59

MAINSAIL

M2 70

I

M 19.600

P

M 19.050

E

M 6.500

J

M 5.475

ENGINE

Hp 55/75

WATER TANK

L 440

FUEL TANK

L 280

CE CERTIFICATION

 A

DESIGNER

 JAVIER SOTO ACEBAL

INTERIOR DESIGNER

SOLARIS DESIGN TEAM

STRUCTURAL

SOLARIS DESIGN TEAM


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Pulisce il winch, esplode la barca. Cosa è successo?

Lo scorso 26 novembre lo skipper francese Quentin Mocudet mentre stava facendo alcuni lavori di manutenzione al suo Mini 6.50 “Kiralamure”, ha fatto scoppiare un incendio che ha fatto esplodere la barca. Sembra che stesse utilizzando la famosa “Benzina F”.

Torna su