developed and seo specialist Franco Danese

La "nostra" Barcolana – La vigilia… in attesa della bora

ANTEPRIMA. Le foto dell'Ice 52 in navigazione, un gioiello tutto italiano
9 ottobre 2015
Fuochi di sicurezza: meglio quelli tradizionali o i nuovi elettronici?
10 ottobre 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

IMG-20151009-WA0015
Ci siamo, la Barcolana entra ufficialmente nel vivo e noi ci siamo.

standI nostri ospiti che hanno aderito all’iniziativa “Vieni con noi alla Barcolana” stanno arrivando al nostro stand (a proposito, se siete a Trieste venite a trovarci!) e questa sera saliranno a bordo delle quattro barche a disposizione: un Salona 44, con skipper il velista oceanico Matteo Miceli, un Dufour 445 capitanato dall’esperto Simone Gesi, un First 50 ai comandi di Maurizio Vettorato e un Sintesi 45, skipper Giango Tadini (Campione Italiano ORC 2014). Non manca Clovis, il 26 metri che farà da barca hospitality TAG Heuer.

barche

Le barche a disposizione alla Barcolana e la barca hospitality TAG Heuer Clovis

CI SARA’ DA SUDARE…
Nel frattempo non si annuncia una regata facile. Già da stanotte è prevista la temuta bora, e proprio per questo motivo le regate in notturna nel bacino di San Giusto previste sabato sono state anticipate a stasera (i trofei DHL riservati a Este 24 e Ufo 22): domani andrà in scena, tempo permettendo, la Barcolana Classic mentre domenica partirà la Barcolana vera e propria. Le barche iscritte sono 1.200, poco più della metà rispetto all’anno scorso: colpa delle previsioni meteo. Non c’è Esimit Europa II, quindi quest’anno la regata avrà un nuovo re. Tanti i favoriti: il Maxi 72 Robertissima di Roberto Tomasini Grinover, il Maxi Jena, l’RC44 Illyteca di Marino Quaiat secondo per un pelo l’anno scorso, Pendragon e molti altri…

UN GRANDE ASSENTE TRA GLI EXTREME
Intanto gli Extreme 40 danno già spettacolo a pochi metri dalle banchine e piazza Unità d’Italia. Un grande assente, Musandam Oman Sail. L’Extreme è al largo della Croazia a dare una mano alle ricerche di un membro del team del sultanato, Mohammed Al Awani (26), caduto in mare due giorni fa dal MOD70 (anch’esso atteso – invano – alla stracittadina giuliana) omanita e non ancora ritrovato. Pare non avesse indosso il salvagente, ma la dinamica verrà chiarita in futuro: certo è che la barca, una volta concluse le ricerche, verrà posta sotto sequestro e sarà avviata un’indagine conoscitiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi