Come cambia il mondo delle derive? Undici "proposte" per tutti i gusti

optimist-peschiera
Mentre la cantieristica da diporto mostra le sue carte per la nuova stagione, facciamo un po’ il punto sul mondo delle derive e dei multiscafi sportivi, che si dimostra sempre in fermento.

PER I PIU’ GIOVANI
Sembra che nessuno riesca a scalzare l’Optimist dal trono dei più amati tra i piccoli. Il progetto di Mills si conferma infatti seguitissimo, con un bel circuito di regate. Il mondo delle regate per i più giovani vede anche protagonista l’O’pen Bic, il 2,75 metri sportivo che negli ultimi dieci anni ha conosciuto la crescita maggiore in termini di diffusione. Ci ha poi colpiti, quest’anno, un progetto presentato allo scorso Salone di Parigi e che ha visto l’acqua nei mesi scorsi: si tratta del Patapon, un monoscafo singolo che colpisce prima di tutto per le sue linee ricche di personalità. La sua coperta a V e le fiancate verticali gli assicurano una buona stabilità. In attesa del fratello Patapon P4, che il cantiere navale Florance ha già annunciato.

PRONTI A VOLARE?
Piaccia o meno, il fenomeno foil è ormai diventato globale e non poteva non toccare anche il mondo della vela sportiva. è di pochi mesi fa la notizia che la deriva più diffusa al mondo, il Laser, ha ora un kit che gli permette di volare sull’acqua. Quello che fa anche un progetto tutto italiano, il Bimare S9 disegnato da Michele Petrucci. Si tratta di un catamarano di 4,16 metri di lunghezza per 2,36 di larghezza che riesce a rimanere stabile anche mentre state volando sull’acqua.

FACILI E DIVERTENTI
La facilità di armamento è poi un altro degli aspetti che più determinano la scelta della deriva. In questo senso l’RS Aero è indubbiamente ai primi posti nelle scelte dei velisti, grazie al suo peso di soli 30 kg. Uno scafo che dà il meglio di sé alle andature portanti, grazie alle sue entrate in acqua magre e alla poppa larga. Se parliamo di divertimento alle andature portanti è impossibile non citare l’ormai mitico 49er, diventato ormai un punto di riferimento nel mondo degli skiff. La sua supremazia come barca olimpica più spettacolare verrà insidiata il prossimo anno dal Nacra 17: sarà una sfida a tutto spettacolo nelle acque di Rio de Janeiro! Un altro monoscafo divertente, nato dalla matita dell’inglese Dan Holman ma costruito dalla Devoti Sailing, è il D-Zero: lungo 4,20 metri, è un monoscafo che va ad arricchire la grande sfida in questo segmento di mercato. Infine, ci permettiamo di segnalare una piccola chicca, che sta aprendo la strada a un nuovo mondo, quello delle derive gonfiabili. E’ il Multisport 270: sarà anche gonfiabile il futuro delle derive?

UNDICI PROPOSTE PER TUTTI I GUSTI
Schermata 2015-09-23 a 18.35.06 Schermata 2015-09-23 a 18.35.12 Schermata 2015-09-23 a 18.35.18 Schermata 2015-09-23 a 18.35.24 Schermata 2015-09-23 a 18.35.29 Schermata 2015-09-23 a 18.35.39 Schermata 2015-09-23 a 18.35.44 Schermata 2015-09-23 a 18.35.49 Schermata 2015-09-23 a 18.35.56 Schermata 2015-09-23 a 18.36.02 Schermata 2015-09-23 a 18.36.07

 

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Come cambia il mondo delle derive? Undici "proposte" per tutti i gusti”

  1. Mi sembra incredibile che nell’articolo si dimentichi l’Hobie Cat che invece fortunatamente non è dimenticato affatto da chi acquista i catamarani. Nel 2015 c’è stata un’esplosione soprattutto del “piccolo” Dragoon che è stato l’incontrastato leader dei catamarani giovanili sotto i 16 anni con un circuito di regate ricco e qualificato culminato con il Mondiale sul Garda. Che dire di più?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

In America piacciono anche le barche fuori dal coro

In America e in Europa non sempre la pensiamo uguale in fatto di barche. La dimostrazione dai candidati agli “Oscar” USA delle barche a vela del 2023. Le riviste di settore americane Cruising World e Sailing World hanno annunciato all’Annapolis

Torna su