FOTOGALLERY Mi chiamo Snipe e vi dico: "Obsoleto a chi???"

2015 Snipe Worlds - Talamone. Italy  © Matias Capizzano
2015 Snipe Worlds – Talamone. Italy
© Matias Capizzano

Alcuni considerano lo Snipe, il mitico “beccaccino”, una barca obsoleta, pesante, e in grado di regalare poche emozioni, vista la mancanza di spinnaker e trapezi. Niente di più falso. La classe Snipe è più viva che mai e vi basterà guardare questa splendida gallery del fotografo argentino Matias Capizzano per capirlo. Siamo ai Mondiali Juniores di Talamone, in corso in questi giorni (dal 19 al 26, sempre nella stessa località, andranno invece scena i Mondiali Open). Fidatevi, le emozioni non mancano (per saperne di più: www.snipeworlds2015.com). Buona visione.

MONDIALE SNIPE JUNIOR – LE FOTO DI MATIAS CAPIZZANO

LA STORIA DELLO SNIPE
Un radicale distacco dalla tradizione del mondo delle regate veliche si verificò a Sarasota (Florida) nel marzo 1931, quando l’editore del “Rudder” Bill Crosby partecipo` ad una riunione del Florida West Coast Racing Association.

stilizzazioneIn risposta alla richiesta di creare una classe di barche da regata trasportabili su carrello, Crosby promise di dare l’avvio a questa Classe disegnando e pubblicando i piani di una barca di questo tipo nella sua rivista. Il nome Snipe fu scelto secondo la consuetudine della rivista “Rudder” di chiamare tutti i suoi disegni dagli uccelli marini ed acquatici ed i piani dello Snipe apparvero nel numero di luglio di “Rudder” che venne esaurito rapidamente.
Ai primi di settembre si ebbe notizia di barche gia’ terminate in base ai disegni: la prima fu quella di un ragazzo di 14 anni, Jimmy Brown di Pass Christian, nel Mississippi, che aveva costruito la barca con l’aiuto del padre.
Fin dall’inizio i proprietari chiesero che venisse costituita una Classe nazionale e venne posto in atto un metodo di registrazione mediante la numerazione delle barche, in modo che i proprietari che vivevano non lontani uno dall’altro, potessero mettersi in contatto tra loro. Jimmy Brown ebbe il n.1 (vedi foto sotto courtesy Sherry Welch).
 Entro il maggio 1932 erano state registrate 150 barche e le regate si diffusero poiche’ molti dei piu’ importanti Clubs nautici riconobbero la Classe dandole ufficialmente un inizio. Nel novembre 1932 la Snipe Class International Racing Association (SCIRA) venne costituita con il Dr.Hub E.IsAacks di Dallas – Texas – come Commodoro. La costituzione ed il regolamento furono stesi ed il primo libro di regole venne pubblicato. Alla fine dell’anno vi erano 250 barche numerate e a Dallas fu assegnata la prima flotta riconosciuta, che e’ tutt’ora esistente. La prima flotta fuori dagli Stati Uniti fu costituita nel marzo 1933 a Dover in Inghilterra. Nel luglio del 1936 la Classe ottenne il riconoscimento di maggiore classe di barche da regata del mondo, con flotte in ogni paese.

adelaide2Benché il Campionato Mondiale sia stato corso fin dal 1934, non fu che nel 1946 che questo campionato divenne veramente internazionale. Questo evento si ebbe sul lago di Chautauqua, New York, con concorrenti provenienti dal Brasile, Newfoundland, Portogallo e Svizzera così come da molte parti degli Stati Uniti. Cio’ ebbe un forte impatto sulla classe e venne deciso che sarebbero state promosse delle competizioni internazionali. Il Commodoro Charles Heinzerling annuncio’ che avrebbe progettato un trofeo separato per il Campione U.S.A., lasciando in tal modo il Trofeo Hub Isaaks per le competizioni realmente internazionali.

Il Dr. Martin Dupan, rappresentante della Svizzera, fu così colpito dal Campionato di Chautauqua che divenne il promotore del primo Campionato del Mondo che avesse luogo fuori dagli U.S.A. Si tenne nel 1947 a Ginevra, Svizzera, con Ted Wells degli Stati Uniti che vinse sui campioni di 13 nazioni. Nel 1949 fu deciso di tenere ad anni alterni il Campionato del Mondo ed il Campionato dell’ Emisfero. Il Board of Governors acquisto’ i piani dello Snipe dalla rivista “Rudder” nel 1948 e la classe fu associata nel 1954. Nel 1958 lo Snipe ricevette il riconoscimento dell’I.Y.R.U. quale Classe Internazionale.

La barca fu disegnata come chiglia a spigolo da 15 piedi e 6 pollici, adeguata allo standard delle tavole di legno da 16 piedi e fu progettata per una facile costruzione in casa (così semplice che uno scolaro avrebbe potuto costruirla). La vela originale di 100 piedi quadri, fu aumentata a 116 piedi quadri, con l’ introduzione del fiocco sovrapposto alla randa che rimpiazzo’ il fiocco piccolo nel 1932. Normalmente la superficie velica e’ di 128 piedi quadrati tra la randa ed il fiocco sovrapposto. Lo spinnaker non e’ consentito. La chiglia e’ rimasta sostanzialmente immutata nel corso della storia della classe con solo piccole varianti dovute alla riduzione delle tolleranze. Il maggiore cambiamento fatto in un colpo solo, durante i 50 anni di storia della classe, fu la riduzione del peso da 425 libbre a 381 libbre all’ inizio degli anni 70.

startI primi Snipes erano costruiti con tavole di legno, ma attraverso gli anni il compensato e la vetroresina furono accettate quali materiali di costruzione. La maggior parte delle barche sono ora costruite da professionisti e sono di vetroresina ma il legno in tavole ed il compensato sono tutt’ora usati e i dilettanti possono costruire barche dai progetti ottenibili dall’Ufficio della S.C.I.R.A. oppure acquistare barche in vetroresina in kit, per essere finiti in proprio. Tutte le barche devono essere misurate e portare il marchio adesivo S.C.I.R.A. nelle competizioni S.C.I.R.A. (da www.snipe.it)


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “FOTOGALLERY Mi chiamo Snipe e vi dico: "Obsoleto a chi???"”

  1. diciamolo: è obsoleto.
    poi sì, meglio che stare all’asciutto.
    ma se proprio il 29ers nun ce piasce (e a me non piace…), il 470 è troppo tecnico ed il FD è troppo grosso, c’è sempre il laser2/3000 con cui ci fai quel che ti pare dal cazzeggio alla “velata seria” e quando è ora di andare và.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Pulisce il winch, esplode la barca. Cosa è successo?

Lo scorso 26 novembre lo skipper francese Quentin Mocudet mentre stava facendo alcuni lavori di manutenzione al suo Mini 6.50 “Kiralamure”, ha fatto scoppiare un incendio che ha fatto esplodere la barca. Sembra che stesse utilizzando la famosa “Benzina F”.

Torna su