developed and seo specialist Franco Danese

L'America's Cup non ha rovinato Glenn Ashby: che campione!

Race for Water scuffia in Indiano: a rischio la missione "no plastica"?
14 settembre 2015
FOTO ESCLUSIVE Adriano, professione cacciatore (suo malgrado) di trombe d'aria
15 settembre 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

glenn ashby
Avevamo annunciato che sarebbe stato un Mondiale Classe A con grandi nomi, quello di quest’anno. E infatti è stato l’australiano Glenn Ashby, a vincere il suo nono titolo iridato (nono, avete capito bene, il primo lo ha vinto nel 1996!)
a Punta Ala dopo un testa a testa con l’olandese Mischa Heemskerk. I due hanno incantato per tutta la settimana sulle onde dello specchio di acqua grazie anche alle condizioni meteo marine quasi ideali in tutti i giorni della competizione internazionale.

classe aQUANTI PARTECIPANTI!
Il Mondiale Classe A 2015 vede Glenn Ashby (medaglia d’argento alle Olimpiadi del 2008 di Qingdao in coppia con Darren Bundock, poi Coppa America con Oracle e ora a capo di Team New Zealand) conquistare il titolo più importante dopo aver sfidato il più grande numero di timonieri mai intervenuto ad una manifestazione simile: ben 173, di cui alcuni si sono decisi a partecipare proprio gli ultimi giorni. Sul podio dopo Ashby e Heemskerk al terzo posto lo spagnolo Manuel Calavia. La manifestazione, promossa dal Centro Velico Punta Ala e dall’Associazione Classe A Italia, ha visto sfidarsi imbarcazioni e team in arrivo da tutto il mondo, oltre sessanta gli italiani partecipanti (il migliore Eugenio Calabria, al 23mo posto).

I CATAMARANI “ATTIRANO”
Per il Mondiale Catamarani Classe A anche un grande successo di pubblico. Tantissimi gli appassionati di vela e gli amanti del mare che hanno seguito da vicino l’evento sportivo internazionale più importante dell’estate maremmana. Alcuni hanno avuto l’opportunità di avvicinarsi alle imbarcazioni in gara e di ammirarne le acrobazie direttamente in mare, grazie a Sail-up (www.sail-up.com) , la prima community degli amici del mare, che ha collegato l’offerta delle imbarcazioni e la richiesta dei passeggeri per uscire in mare ed affiancare gli atleti nei momenti più emozionanti della competizione. Il Mondiale è stato inoltre molto seguito sul sito web dedicato e sui social, dove la sette giorni è stata ricca di aggiornamenti, gallery, video delle regate e interviste i protagonisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi