FLASH NEWS – Centomiglia, vincono Cool Runnings, Hagar e White Star

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

vincitori tornaDO
La 65ma Centomiglia del Garda, la grande classica del CV Gargnano,
la regata più lunga che si svolge in Europa su acque interne, la più longeva in Italia e una delle più affascinanti per tutti gli armatori che si cimentano con la vela, (e che quest’anno è partita tra le polemiche), ha già i suoi vincitori: tra di essi non figura il nome di Clandesteam, “matador” delle ultime tre edizioni. La regata si è svolta in una giornata caratterizzata da un ottimo vento da nord che è soffiato durante tutta la manifestazione. Folto il pubblico sulle rive di Gargnano e di tutta la parta alta del lago di Garda.

I VINCITORI
In attesa di tutti i risultati definitivi, per quanto riguarda i multiscafi, la vittoria è andata agli italiani Oscar Roberti e Maurizio Servalli, a bordo del Tornado White Star nel Trofeo Giorgio Zuccoli riservato ai catamarani su percorso breve e ad Hagar 3 sul percorso lungo. Tra i monoscafi invece ha trionfato – dopo tre anni che vinceva Clandesteam (LEGGI QUA TUTTE LE POLEMICHE PRE-REGATA), che ha compunque trionfato in classe 0 – Cool Runnings dell’armatore inglese con origini tedesche Juncker Thorkild che ha tagliato alle 15.37.

LA CENTOMIGLIA
La prima edizione della Centomiglia del Garda si è disputata l’8 e il 9 Settembre del 1951. La regata è aperta a barche a vela di differenti classi di mono e multiscafi ed è un appuntamento irrinunciabile fra i più importanti velisti; alcuni armatori preparano barche ad hoc per la regata. È la regata a tutto lago con partenza da Bogliaco, risalita fino a Torbole, discesa fino a Desenzano e ritorno a Bogliaco.  Vi sono percorsi differenziati in base alle caratteristiche delle 300 imbarcazioni monoscafo partecipanti. Altri percorsi sono dedicati esclusivamente ai veloci multiscafi.

(foto di Domini / www.giornaledibrescia.it)

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su