LETTURE D’ESTATE Da Brindisi a Roccella Ionica/5

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

bancarelle cirò marinaGiovanni Porzio è uno dei più grandi reporter italiani e un appassionato velista. Nel suo libro “Il mare non è mai lo stesso” ha ricreato l’essenza del reportage, ovvero “riportare” da un viaggio notizie, ma anche racconti, sensazioni e immagini. Proprio da questo libro è tratto il racconto di cui trovate qui la quinta parte.

E’ la festa della Madonna del Carmelo a Cirò Marina e seguiamo il corteo che si snoda per le vie del paese. Non è paragonabile alle straripanti adunate religiose siciliane e tanto meno alle sfolgoranti e spiritate processioni barocche della settimana santa di Siviglia, dove i Cristi oranti o crocefissi sfilano in una nuvola d’incenso, portati a spalla da penitenti scalzi e incappucciati, e le Vergini scendono danzando su lettiere di gelsomini e petali di rose fino alle sponde del Guadalquivir. Ma è pur sempre un’autentica adunata di popolo e vale la pena di esplorarla.

Cirò Marina, processione della Madonna del Carmelo
Cirò Marina, processione della Madonna del Carmelo

Tranne il prete, i bambini e qualche anziano, sono solo le donne a incamminarsi con le candele in mano dietro la statua della Madonna montata su un pick-up e preceduta dal parroco, che microfono alla mano intona canti e preghiere con l’ausilio di un gracchiante impianto audio.
Sul lungomare ci sono le bancarelle dei dolciumi, torroni e zucchero filato, poster di padre Pio, Gesù e Michael Jackson, una giostra con finte palme illuminate di neon rosa shocking, bar con assordanti musiche da discoteca e un tizio con piano elettrico che canta Morandi e Caetano Veloso. Alcuni giovani annoiati fumano e amoreggiano, appoggiati alle balaustre o in sella alle moto parcheggiate.
Ma è possibile che non ci sia neppure un uomo? Tutti miscredenti o emigrati in Aspromonte? Forse la risposta è nell’elicottero dei carabinieri che alle 6 del mattino ci sveglia atterrando a pochi metri da Blue Gal: un blitz in piena regola, con agenti in borghese e militari che setacciano le case e i locali della zona. Sapremo poi che nella retata, in Calabria e in Lombardia, sono stati arrestati numerosi boss della ’Ndrangheta.
Che miracolo, invece, il porticciolo di Roccella Ionica dove arriviamo il giorno successivo! Ci sono, sulla costa, orripilanti ecomostri disabitati, colate abusive di cemento, pilastri di villette mai finite; e percorrere in bicicletta la provinciale 106 priva di segnaletica è un suicidio.

Cirò Marina, processione della Madonna del Carmelo dove ci sono le donne del paese
Cirò Marina, processione della Madonna del Carmelo dove ci sono le donne del paese

Però il Marina delle Grazie è accogliente: nuovi pontili galleggianti, acqua in banchina, ormeggi puliti e solo 20 euro di tariffa con regolare ricevuta fiscale. La gestione non è privata ma affidata all’Autorità marittima, che chiede una quota di contributo per la manutenzione dei pontili, previa registrazione in Capitaneria. L’attigua spiaggia è immacolata e i pochi esercizi balneari con gli ombrelloni allineati sono discreti.
Nel porto i pescherecci scaricano quintali di scampi e di gamberi d’ogni colore e dimensione: rossi, grigi, rosa pallido. Un tripudio di crostacei che parte subito sui camion frigoriferi diretti al mercato ittico di Milano (ma non avevano vietato la pesca ai gamberetti?).
La brezza di terra cade appena spunta il sole: dobbiamo tirare dentro il fiocco e rassegnarci ad accendere il motore. Peccato, ci eravamo illusi di traversare veleggiando fino alla Sicilia. Mugugni tra la ciurma, abituata allo spumeggiante e vigoroso meltemi greco…
Tra Roccella e Capo Spartivento non ci sono né porti né ridossi, solo lunghe spiagge meravigliosamente deserte e rocce a picco: i porticcioli di Bova Marina e di Saline Ioniche sono inaccessibili, in sempiterna costruzione.
Il bonus è che proprio per questo il turismo di massa non arriva.
Niente gommoni-motoscafi-moto d’acqua e pochissime vele: a Roccella c’erano solo due barche svedesi, una norvegese, una francese e due italiane. In mare non si vedono navi fino allo Stretto: non siamo sulle rotte commerciali. Si naviga tranquilli, in mezzo al nulla. è il momento di sfogliare un manoscritto trovato tra le carte di mio padre.

LETTURE D’ESTATE Da Brindisi a Roccella Ionica/1

LETTURE D’ESTATE Da Brindisi a Roccella Ionica/2

LETTURE D’ESTATE Da Brindisi a Roccella Ionica/3

LETTURE D’ESTATE Da Brindisi a Roccella Ionica/4

Scopri tutti i reportage di Giovanni Porzio!

Porzio_586px

 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Cosa trovi sul numero di aprile 2024 del Giornale della Vela

Finalmente! Il numero del Giornale della Vela di aprile 2024 (il numero 540, dal lontano 1975!) è in edicola e in digitale, scaricando la nostra app gratuita (qui se avete iOS, qui per Android). Ve lo raccontiamo in anteprima! Fatti un regalo: abbonati

Due derive gonfiabili Tiwal davanti allo yacht A (142 metri) progettato da Philippe Starck - Trovi la loro storia a pagina 66 del numero di marzo 2024 del Giornale della Vela

Cosa trovi sul numero di marzo 2024 del Giornale della Vela

Finalmente! Il numero del Giornale della Vela di marzo 2024 (il numero 539, dal lontano 1975!) è in edicola e in digitale, scaricando la nostra app gratuita (qui se avete iOS, qui per Android). Ve lo raccontiamo in anteprima! Fatti un regalo: abbonati

buon natale

Buon Natale, popolo della vela e del mare!

Sotto l’albero di Natale la redazione del Giornale della Vela ha trovato il regalo più affollato che ci sia. Siete voi, il popolo della vela e del mare che ci segue ogni giorno. Un regalo più grande di così, è

Registrati



Accedi