developed and seo specialist Franco Danese

LETTURE D’ESTATE Da Brindisi a Roccella Ionica/5

I consigli ecologici per pulire la vostra barca con prodotti naturali
20 agosto 2015
Extreme 40 a San Pietroburgo, Lino Sonego subito tra i protagonisti
21 agosto 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

bancarelle cirò marinaGiovanni Porzio è uno dei più grandi reporter italiani e un appassionato velista. Nel suo libro “Il mare non è mai lo stesso” ha ricreato l’essenza del reportage, ovvero “riportare” da un viaggio notizie, ma anche racconti, sensazioni e immagini. Proprio da questo libro è tratto il racconto di cui trovate qui la quinta parte.

E’ la festa della Madonna del Carmelo a Cirò Marina e seguiamo il corteo che si snoda per le vie del paese. Non è paragonabile alle straripanti adunate religiose siciliane e tanto meno alle sfolgoranti e spiritate processioni barocche della settimana santa di Siviglia, dove i Cristi oranti o crocefissi sfilano in una nuvola d’incenso, portati a spalla da penitenti scalzi e incappucciati, e le Vergini scendono danzando su lettiere di gelsomini e petali di rose fino alle sponde del Guadalquivir. Ma è pur sempre un’autentica adunata di popolo e vale la pena di esplorarla.

Cirò Marina, processione della Madonna del Carmelo

Cirò Marina, processione della Madonna del Carmelo

Tranne il prete, i bambini e qualche anziano, sono solo le donne a incamminarsi con le candele in mano dietro la statua della Madonna montata su un pick-up e preceduta dal parroco, che microfono alla mano intona canti e preghiere con l’ausilio di un gracchiante impianto audio.
Sul lungomare ci sono le bancarelle dei dolciumi, torroni e zucchero filato, poster di padre Pio, Gesù e Michael Jackson, una giostra con finte palme illuminate di neon rosa shocking, bar con assordanti musiche da discoteca e un tizio con piano elettrico che canta Morandi e Caetano Veloso. Alcuni giovani annoiati fumano e amoreggiano, appoggiati alle balaustre o in sella alle moto parcheggiate.
Ma è possibile che non ci sia neppure un uomo? Tutti miscredenti o emigrati in Aspromonte? Forse la risposta è nell’elicottero dei carabinieri che alle 6 del mattino ci sveglia atterrando a pochi metri da Blue Gal: un blitz in piena regola, con agenti in borghese e militari che setacciano le case e i locali della zona. Sapremo poi che nella retata, in Calabria e in Lombardia, sono stati arrestati numerosi boss della ’Ndrangheta.
Che miracolo, invece, il porticciolo di Roccella Ionica dove arriviamo il giorno successivo! Ci sono, sulla costa, orripilanti ecomostri disabitati, colate abusive di cemento, pilastri di villette mai finite; e percorrere in bicicletta la provinciale 106 priva di segnaletica è un suicidio.

Cirò Marina, processione della Madonna del Carmelo dove ci sono le donne del paese

Cirò Marina, processione della Madonna del Carmelo dove ci sono le donne del paese

Però il Marina delle Grazie è accogliente: nuovi pontili galleggianti, acqua in banchina, ormeggi puliti e solo 20 euro di tariffa con regolare ricevuta fiscale. La gestione non è privata ma affidata all’Autorità marittima, che chiede una quota di contributo per la manutenzione dei pontili, previa registrazione in Capitaneria. L’attigua spiaggia è immacolata e i pochi esercizi balneari con gli ombrelloni allineati sono discreti.
Nel porto i pescherecci scaricano quintali di scampi e di gamberi d’ogni colore e dimensione: rossi, grigi, rosa pallido. Un tripudio di crostacei che parte subito sui camion frigoriferi diretti al mercato ittico di Milano (ma non avevano vietato la pesca ai gamberetti?).
La brezza di terra cade appena spunta il sole: dobbiamo tirare dentro il fiocco e rassegnarci ad accendere il motore. Peccato, ci eravamo illusi di traversare veleggiando fino alla Sicilia. Mugugni tra la ciurma, abituata allo spumeggiante e vigoroso meltemi greco…
Tra Roccella e Capo Spartivento non ci sono né porti né ridossi, solo lunghe spiagge meravigliosamente deserte e rocce a picco: i porticcioli di Bova Marina e di Saline Ioniche sono inaccessibili, in sempiterna costruzione.
Il bonus è che proprio per questo il turismo di massa non arriva.
Niente gommoni-motoscafi-moto d’acqua e pochissime vele: a Roccella c’erano solo due barche svedesi, una norvegese, una francese e due italiane. In mare non si vedono navi fino allo Stretto: non siamo sulle rotte commerciali. Si naviga tranquilli, in mezzo al nulla. è il momento di sfogliare un manoscritto trovato tra le carte di mio padre.

LETTURE D’ESTATE Da Brindisi a Roccella Ionica/1

LETTURE D’ESTATE Da Brindisi a Roccella Ionica/2

LETTURE D’ESTATE Da Brindisi a Roccella Ionica/3

LETTURE D’ESTATE Da Brindisi a Roccella Ionica/4

Scopri tutti i reportage di Giovanni Porzio!

Porzio_586px

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi