40 ANNI DI STORIE DI VELA Vittorio Malingri “Il senso dell’andar per mare”

vittorio malingriPensieri e riflessioni di Vittorio Malingri dopo la sua avventura al Giro del Mondo in solitario del 1993 con il suo autocostruito Moana 60 Everlast Neil Pryde

“Andare a vela è un’esperienza stupenda, perché dà una sensazione di silenzio. Credo che la nostra civiltà sia ingombra di un eccesso di rumore, di informazione, di comunicazione. Andare a vela è confrontarsi con la natura, c’è quindi il senso della scommessa, dell’avventura. Stupendo come nei libri. Navigare in solitario sembra un’impresa estrema invece è una vacanza.

Io durante la corsa non facevo quasi nulla. La mia barca andava dritta con il pilota automatico, quasi per conto suo e io per ringraziarla facevo tanta manutenzione.

La solitudine? Ogni 30 anni, tre mesi da solo fanno piacere.

Se poi cominci a prendere miglia ai tuoi avversari, ti diverti come un matto e non ti senti tanto solo. La parte difficile di questa regata è sicuramente quella a terra, mettere insieme i soldi, trovare gli sponsors, lasciare a terra Maria, i bambini, gli amici. Poi una volta in mare tutto comincia a filare liscio, anche i ricordi.

Paura? Tanta e spesso. Ogni tanto ti rintani nella tua cuccia per delle giornate intere pregando di non essere spazzato via dal mare e dal vento…”

CHI E’ VITTORIO MALINGRI

Malingri_fotoVittorio Malingri è uno dei più grandi navigatori italiani ed è stato il primo a partecipare al Vendée Globe. Progettista e costruttore, oggi naviga avanti e indietro in oceano organizzando master d’altura sul suo cutter di venti metri Huck Finn II. Si calcola abbia percorso più di 300mila miglia in mare.

SCOPRI LE “STORIE DEI 40 ANNI DI VELA”


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Rolex World Sailor of the Year: votiamo Tita-Banti!

Non potevano che esserci anche Ruggero Tita e Caterina Banti nella lista dei candidati al Rolex World Sailor of the Year, il premio assegnato da World Sailing, la Federvela Mondiale. I vincitori dell’oro alle Olimpiadi di Tokyo nella classe Nacra

invernaggio barca

Invernaggio barca, cosa devi fare se la tiri in secca

Finisce la stagione, è il momento dell’invernaggio se non utilizzate la vostra barca nei mesi più freddi. Sono molte sono le operazioni da svolgere per mettere a riposo la nostra barca e proteggere al meglio gli interni, le batterie, i

jeanneau open days

Jeanneau Open Days, vieni a scoprire tutta la gamma Sun Odyssey!

Arrivano gli Open Days di Jeanneau sabato 8 e domenica 9 ottobre all’interno del Marina di Nettuno (Roma).  8-9 ottobre, perché partecipare ai Jeanneau Open Days Un weekend, finalmente lontani dal “caos” dei Saloni nautici (che quest’anno sono stati letteralmente

Torna su