developed and seo specialist Franco Danese

40 ANNI DI STORIE DI VELA Mauro Pelaschier “Io, Azzurra e il Moro”

40 ANNI DI STORIE DI VELA Cino Ricci “La lunga notte al Fastnet”
14 agosto 2015
No panic! Vi sveliamo quattro dritte per non finire in banchina…
15 agosto 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

mauro pelaschierPochi uomini come Mauro Pelaschier hanno il cosiddetto “Fisico del ruolo”: alto, biondo, con la barba. E vincente. è lui che nel 1990 fa il punto sui cambiamenti della vela italiana e sull’avventura del Moro di Venezia

“Saggio, simpatico, a volte caustico, certamente affascinante. Mauro Pelaschier è uno dei simboli, forse il “simbolo” della maturazione della vela agonistica italiana dopo il boom seguito alla felice avventura di Azzurra alla Coppa America del 1983, dove il nostro interpretava il ruolo più ambito e difficile, quello del timoniere. Non poteva che essere lui ha fare il punto sulla situazione della vela italiana e su come Azzurra l’abbia cambiata.

“Mah, in fondo Azzurra non era soltanto quello che dici tu.

Mi ricordo che nel 1983 partecipai ad una festa dell’Unità. Ci andai con piacere anche se in fondo ero preoccupato perché non sapevo come mi avrebbero accolto, invece andò benissimo, l’esaltazione per l’impresa sportiva ebbe giustamente il sopravvento su tutto il resto… Guarda che io ho sempre dato il giusto peso alle vicende.

Andare in barca con Agnelli faceva parte delle regole del gioco che devi accettare, ma quando sparano il colpo dei 10 minuti alla partenza ti assicuro che di Agnelli e di tutto il resto non ti importa niente, pensi solo alla regata…

Adesso tocca al Moro, ma credo che al di là del grande budget, chi comanda (Paul Cayard, ndr) è troppo giovane, ed ha paura di chiedere aiuto. Posso anche sbagliarmi,

ma Cayard sta facendo cose che non sono compito suo. Per reggere la tensione di una Coppa America devi essere spontaneo… tutto il resto è televisione!”

CHI E’ MAURO PELASCHIER

pelaschier-_fotoNato a Monfalcone nel 1949, Mauro Pelaschier, dopo aver partecipato a tre Olimpiadi nel Finn, raggiunge nel 1983 un’enorme popolarità come timoniere di Azzurra, la prima barca italiana all’America’s Cup. Ancora presente su tutti i campi di regata, nel 2013 ha vinto il premio di Leone del Mare per i suoi meriti velici.

SCOPRI LE “STORIE DEI 40 ANNI DI VELA”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fai il bordo giusto, iscriviti!

La newsletter più completa per il mondo della vela