developed and seo specialist Franco Danese

335 barche di ogni tipo sfideranno il Fastnet. Chi vincerà quest’anno?

Scoprite il meglio dello stile nel secondo numero di Top Yacht Design
5 agosto 2015
Dossier Porti 2015 – Alla scoperta dell’Adriatico centro-settentrionale
6 agosto 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

photoI numeri sono già da record: saranno 335 le barche sulla linea di partenza del prossimo Fastnet, che  partirà da Cowes il 16 agosto (sulla rotta Cowes-Fastnet Rock-Plymouth). E già si scommette sui più probabili vincitori in tempo compensato. In IRC la flotta è più che eterogenea: si va da Comanche, il 100 piedi VPLP-Verdier di Jim Clark al Contessa 32 di Lucinda Allaway, da bolidi super tecnologici in carbonio come il nuovo Mini Maxi Momo di 72 piedi

jrenedo_2015_03_14_25250_800a un grande classico come Dorade di Matt Brooks, vincitore del Fastent del 1931 e 1933 con a bordo il designer-skipper Olin Stephens.

2117911f-209d-41f4-8ef5-cd79b3b0b10eIl vincitore di quest’anno dipenderà ovviamente molto dalle condizioni meteo marine che ci saranno. Se c’è vento sostenuto in partenza e debole all’arrivo, la vittoria se la giocano le barche grandi; se invece dovesse verificarsi il contrario, con il vento che si alza sul finale,  sarà una lotta tra le piccole, come già successe nel 2005 con la vittoria di una delle barche più piccole e lente iscritte, il Nicholson 33, Iromiguy di Jean-Yves Chateau.4970884440_c88778efd3_b
Quest’anno non ci sarà Ran II di Niklas Zennström, vincitore delle edizioni del 2009 e del 2011 e sarà quindi grande battaglia tra due progetti simili di Judel Vrolijk, il nuovissimo Momo del tedesco Dieter Schön e il “più navigato” Bella Mente dell’americano Hap Fauth (vincitore dell’ultimo RORC Caribbean 600. La barca è stata modificata e ha ora una pinna più lunga.
6a6eb16a-c592-475f-92a2-12820c5ebfb7
Andiamo invece a vedere tra gli scafi con la canting keel, quali sono i maggiori candidati alla vittoria finale: Rambler 88 di George David
f6f5f7d8-ef5c-4956-9bcb-33d11762f861

Mascalzone Latino di Vincenzo Onorato, oltre a un Cookson 50 e ad alcuni Imoca Open 60 ottimizzati per  l’IRC.
Subito dietro ai Maxi ci saranno il Reichel-Pugh 63, Lucky di Bryon Ehrhar, recente vincitore della Transatlantic Race e della Sidney to Hobart del 2o11.
Alt_2015_TR_07_01_DF_328_B1

Tra i 50 piedi invece ci sarà da divertirsi davvero, la lotta sarà dura tra l’Elliott 52 Outsider di Tilmar Hansen, boat-outsider-1

Il TP52 Sorcha di Peter Harrison
2015-rc600-sorcha-start-tw

il Ker 51 Tonnerre 4 di Piet Vroon
Varuna_DF_620

e il nuovo Carkeek 47, Black Pearl, di Stefan Jentzsch.
image3

Negli ultimi anni a dominare sotto i 40 piedi sono stati i francesi. Nel 2013, 13 delle 16 imbarcazioni battevano la bandiera dei nostri cugini d’oltralpe, edizione che ha visto la vittoria in questa classe a un equipaggio che navigava in doppio, padre e figlio: Pascal e Alexis Loison.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fai il bordo giusto, iscriviti!

La newsletter più completa per il mondo della vela