Ragazze d’oro! Di Salle – Dubbini iridate nel 470 giovanile!

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Benedetta Di Salle-Alessandra Dubbini
Grandissimo risultato di Benedetta Di Salle (YC Italiano) e Alessandra Dubbini (CV Toscolano Maderno)! Le due ragazze hanno vinto a Thessaloniki, in Grecia, il titolo Mondiale 470 Youth femminile: le due giovani azzurre, al secondo anno di attività nel doppio olimpico, hanno dominato la manifestazione iridata, sbaragliando la concorrenza e ottenendo la vittoria matematica con un giorno di anticipo
. Potrebbero essere veramente la nuova speranza olimpica in una classe che, con il cambio di barca di Giulia Conti (ora sui 49er FX), faticava a trovare atleti di riferimento. D’altronde, per entrambe la vela è una questione di famiglia: Benedetta è una figlia d’arte. Suo padre Roberto, portacolori dell’US Quarto di Genova, ha vinto i campionati mondiali nella classe 420 nel 1979 a Setubal (Portogallo) in coppia con Roberto Vassallo. Benedetta si era già messa in luce nel 2012 vincendo, a prua di Ilaria Paternoster, il mondiale ISAF 420. Anche Alessandra proviene da una famiglia di velisti molto forti, soprattutto sul 470.

UNA CAVALCATA INARRESTABILE
Davvero esaltante la cavalcata delle due veliste, capaci di chiudere la serie di dieci regate con i parziali 23-7-2-3-2-2-1-2-6-4 e di staccare le seconde, le greche Bozi-Klonaridou, di ben 27 punti, un vantaggio incolmabile quando manca solo una prova – la Medal Race in programma di oggi – alla conclusione dei Mondiali. Regata a cui parteciperanno anche Roberta Caputo e Açice Sinno, quinte, mentre Paternoster-Ammirati chiudono 33me, Zorzi-Caruso 34me e Bettoni-Gianni 41me.

BENE ANCHE I MASCHI
Buone notizie anche dai maschi, grazie al quarto posto (a quattro punti dai terzi) di Giacomo Ferrari e Giulio Calabro, ieri ottavi nell’unica regata disputata sia dagli uomini che dalle donne, risultato che consente ai due azzurri di scendere in acqua anche oggi per la Medal (al comando sempre i francesi Pirouelle-Sipan). Gli altri italiani: Stocchero-Virgenti sono 21mi, Capurro-Puppo 25mi, Pincherle-Basharzad 36mi e Perillo-Massa 38mi. Ricordiamo che i nostri equipaggi per questi Mondiali possono contare sulla presenza in loco del Tecnico federale Nicola Pitanti, che ha coordinato l’attività sia a terra che in acqua.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

In America piacciono anche le barche fuori dal coro

In America e in Europa non sempre la pensiamo uguale in fatto di barche. La dimostrazione dai candidati agli “Oscar” USA delle barche a vela del 2023. Le riviste di settore americane Cruising World e Sailing World hanno annunciato all’Annapolis

Torna su