developed and seo specialist Franco Danese

Infiniti 53R, un… monumento alle appendici hi-tech

Ragazze d’oro! Di Salle – Dubbini iridate nel 470 giovanile!
31 luglio 2015
#crocieragdv2015 Torna il grande contest Instagram. Siete pronti?
31 luglio 2015

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Farr 53 Infiniti
La società monegasca Infiniti Yachts e l’inglese Dynamic Stability System (DSS) annunciano la partnership con il celebrestudio americano Farr Yacht Design per un nuovo yacht ad alte prestazioni, Infiniti 53R.
Come per gli altri yacht Infiniti già naviganti, due 36GT e un 46 piedi pronto per il debutto alla RORC Transatlantic Race di novembre, anche il 53R disegnato da Farr si avvarrà dell’innovativa tecnologia DSS, che aumenta le prestazioni ad ogni andatura, particolarmente al lasco con un aumento della velocità fino al 20%.

VELOCITA’ MA SOPRATTUTTO STABILITA’
L’Infiniti 53R si propone come erede del Cookson 50, progetto vincente di Farr nel 2003 (che ha portato i vantaggi della canting keel tra i performance cruiser di piccola serie) che tutt’oggi è in grado di dire la sua sui campi di regata internazionali. Il piano velico è stato studiato con la massima attenzione, così come le linee d’acqua, che garantiscono una bassa resistenza idrodinamica. Oltre al DSS la barca sarà dotata di chiglia basculante e di un lungo spigolo che corre lungo tutto lo scafo per aumentare la stabilità a barca sbandata. La leggerezza della costruzione è garantita dalle migliori analisi strutturali per ottimizzare l’uso della fibra di carbonio in matrice epossidica accoppiata a un’anima in schiuma.

I VANTAGGI DEL DSS
Il progettista Hugh Welbourn, in collaborazione con Gordon Kay, ha passato dieci anni tra studio e sviluppo del sistema DSS che sfrutta due appendici retrattili poste lateralmente a centro scafo e rappresenta un’alternativa alla canting keel (lo scafo più famoso che li utilizza è Wild Oats XI, il maxi di Bob Oatley). Come la chiglia a pendolo ha la funzione di aumentare la stabilità della barca e quindi la sua velocità. Con venti leggeri, invece, il foil viene semplicemente ritratto all’interno della barca che naviga in modo tradizionale, avvantaggiandosi dalla minore superficie bagnata e dal dislocamento ridotto grazie alla minore zavorra richiesta per il momento raddrizzante. La barca più famosa a montare il DSS è senz’altro il maxi Wild Oats XI del magnate del vino australiano Bob Oatley.

1 Comment

  1. Reperita juvant ha detto:

    Mi chiedevo quale fosse la barca più famosa a montare il DSS….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi